Giù le mani dai Parchi: fuori la caccia dai Colli Euganei e dai Lessini

15267692_1161604120543914_7142679724787860304_nIn Veneto c’è chi tenta l’ennesimo colpo di mano ai danni di ambiente e natura protetta.

Il consigliere Berlato, e con lui Valdegamberi contro i Lessini, non smentisce la sua vocazione filo venatoria e nell’indifferenza di un Presidente Luca Zaia che abdica al suo ruolo, ha presentato in Consiglio regionale un emendamento alla legge di stabilità che mira a ridurre di due terzi la superficie del Parco dei Colli Euganei, aprendo così la caccia nei territori esclusi dal perimetro protetto.

Provvedimento da discutere e votare la prossima settimana, è un regalo ai cacciatori-elettori, primi responsabili della sovrappopolazione di cinghiali nelle campagne del Veneto.

Per chiedere il ritiro dell’emendamento, lunedì 12 dicembre saremo a Venezia a palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale. Con noi ambientalisti e comitati civici sicuramente anche tanti Sindaci. Leggi di più

Allarme Legge regionale sui parchi

colli euganei_appello_natura_cultura_lavoroLa proposta di legge regionale n. 143 (DGR 2/DDL del 24 marzo 2016) in materia di “Disciplina e valorizzazione della rete ecologica regionale e delle aree naturali protette” è imperniata sul concetto che “natura-ambiente-paesaggio-territorio” debbano (e dunque possano!) restare distinti tra loro nella gestione, e che i Parchi debbano occuparsi solo di “natura”.

Un’impostazione artificiosa e perniciosa per tutte le aree protette del Veneto, in modo particolare per un territorio come quello dei Colli Euganei il cui punto di forza è proprio l’intreccio tra singolarità geologico-naturalistiche e le diffuse testimonianze di vita e di cultura. Leggi di più

Stombinare l’Alicorno: fondamentale per il restauro del Prato della Valle

pianta Valle_acqueIl Pra’ della Valle come parte del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione  è  tutelato dalla Repubblica italiana a norma dell’articolo 9 comma due della Costituzione.

La tutela presuppone in primo luogo il restauro del monumento che nel corso dei secoli, dopo la caduta della Repubblica di Venezia, ha subito numerosi abusi fra i quali (…) il tombinamento del canale Alicorno (in via 58° Fanteria, già Venturina) iniziato nel 1953 le cui fasi sono state accuratamente ricostruite in vari contributi da Giorgia Roviaro.”

Così inizia l’osservazione (per leggere il testo integrale clicca qui) Leggi di più

Bitonci continua a costruire: su terreni a rischio allagamenti

Bitonci_promesse_stop_consumo_suoloEnnesima colata di cemento che si mangia aree verdi cittadine: sono le nuove lottizzazioni nei terreni attigui al parco Iris.

La delibera adottata dalla Giunta Comunale prevede un ampliamento della scuola d’Inglese e nuove abitazioni lungo via Forcellini e via Canestrini.

Dopo la perimetrazione della zona, approvata lo scorso anno dalla sua Amministrazione, ora Massimo Bitonci dà il via libera alla costruzione a stralci di 33.000 metri cubi in un’area verde di grande pregio ambientale e a rischio allagamenti, Leggi di più

La distruzione del Giardino Zantomio non piace ai cittadini

salviamo_giardino_zantomioMentre in Comune proseguiva l’iter per la distruzione del Giardino Zantomio (approvazione della Variante di destinzazione, n.d.r.), nel pomeriggio del 30 marzo si è riunito in città il neo Comitato Zantomio, forte delle decine e decine di firme e di mail di adesione e di sostegno che anche oggi continuano ad arrivare.

Rappresentanti di comitati, di gruppi politici e semplici cittadini, convinti dell’importanza della difesa della bellezza della loro città, hanno deciso di continuare la battaglia perché quel Giardino racchiude molteplici e straordinari valori: Leggi di più

Praesidium Wizza: un anno di attività culturale a servizio del territorio

Sta per chiudersi il primo anno di attività del Praesidium Wizza, un presidio culturale che ha sede negli spazi comunali di via A. Guidi, n. 32 nel quartiere Guizza a Padova, nato per promuovere, sviluppare e condividere iniziative culturali e formative.

Il progetto, vincitore del bando “Culturalmente” 2014 della Fondazione CaRiPaRo, ha coinvolto una fitta rete di partners dal Veneto alla Campania, fino a Berlino ed Helsinki, ed ha visto l’Associazione Culturale di Sperimentazioni Performative Abracalam capofila e coordinatrice delle diverse attività. Leggi di più

Padova: fattorie sociali crescono

coislha_col moschin_padova_orticoltura_bio.jpgTra cemento e mattoni si sviluppa nella prima periferia di Padova uno splendido progetto di fattoria sociale, una campagna dove coniugare la coltivazione orticola di prodotti biologici con l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. E’ un progetto di Coislha, cooperativa attiva da oltre 30 anni, dapprima nella gestione del verde urbano.

Infatti Coislha nasce già nel 1980 come cooperativa sociale di tipo B Leggi di più

Contratto di fiume Brenta: sarà l’occasione per un’Idrovia Padova-Mare sostenibile?

contratto fiume brentaPresso Legambiente Selvazzano, il 12 novembre, s’è svolto uno degli incontri di coordinamento tra circoli e comitati per l’Idrovia Padova-Mare. Ha partecipato l’ing. Giancarlo Gusmaroli, invitato a spiegare il percorso in atto per il riconoscimento in Regione del Contratto di Fiume (CdF) Brenta.

Uno strumento di gestione rispetto al quale la nostra regione deve recuperare un notevole ritardo. Oggi utile per imprimere una svolta di sostenibilità alla progettazione dell’idrovia Padova-Mare.

Cresce l’attenzione per la risorsa idrica, divenuta nel tempo sempre più scarsa e non riproducibile. Leggi di più

Geocaching: una “caccia al territorio”

geocache-398016_640Geocaching: questo “sconosciuto” che sabato scorso ha paralizzato Padova per un presunto ordigno in Piazza dei Signori. L’“ordigno” era, in realtà, una cache, ovvero un oggetto contenente un foglio di carta, ambìto dai partecipanti di questa caccia al tesoro.

Un gioco diffuso a livello mondiale, a cui partecipano migliaia di persone che, se ben concepito, può dar vita ad interessantissime iniziative, utili soprattutto per scoprire e valorizzare il territorio, divertendosi.

Purchè la cache non sia “terribile! Non mimetizzata, inutile nel suo scopo e povera di significati. Le nostre sono molto meglio” scriveva con orgoglio il giorno dopo il GAL Patavino sulla sua pagina FB.

Leggi di più

Consumo di suolo e rigenerazione: brutta proposta di legge regionale

rigen urb 3Il progetto di legge n. 390/2013 della Giunta Regionale, partendo dalla constatazione che il Veneto è una delle prime regioni italiane per urbanizzazione del suolo (12,7% della superficie regionale, con un valore record del 20,2% nella provincia di Padova) propone alcune norme finalizzate al contenimento del consumo di suolo per promuovere la rigenerazione urbana.

Finalità condivisibili ma, a fronte dell’urbanizzazione del territorio inarrestabile anche nell’attuale periodo di crisi (cfr. Rapporto dell’ISPRA, marzo 2014), ci si sarebbe aspettati un provvedimento di immediata efficacia, tale da imporre una drastica moratoria all’urbanizzazione di nuove aree, in attesa di una revisione degli strumenti della pianificazione urbana e territoriale.

Il Progetto di legge della Giunta Regionale, invece, non stabilisce alcun criterio per la revisione della pianificazione esistente Leggi di più