Non aspettiamo l’apocalisse: viaggio nella Terra dei Fuochi

patriciello non aspettiamo apocalisseNon aspettiamo l’apocalisse (Rizzoli, 2014) è una appassionata denuncia della devastazione e dei danni provocati dalle discariche abusive di rifiuti industriali gestite dalla camorra a partire degli anni Ottanta, in Campania,  in una zona compresa tra Napoli, Caserta e Acerra, ormai tristemente famosa come la “Terra dei fuochi” descritta dai reportages, dei mass media nei mesi scorsi.

Leggi di più

Green crossing, liberiamo libri

green crossing_bookcrossing_etichettaGreen crossing: così in redazione di ecopolis abbiamo ribattezzato la liberazione di una quindicina di libri che faremo, in contemporanea, sabato 31 maggio: un bookcrossing collettivo a tema.

Da anni sulle colonne di ecopolis potete leggere recensioni di libri su tematiche ecologiste. Poche settimane fa ci siamo detti: perché non trasformare l’interesse nostro e dei lettori della newsletter in un bookcrossing tematico?

Già di per sé far circolare libri è una pratica ambientalista: Leggi di più

TOXICITALY – 50 anni di veleni all’ombra del progresso

ToxicitalyTOXICITALY non è un libro facile da leggere. È un saggio del 2012 che tratta della gestione illegale dei rifiuti, urbani e industriali. Antonio Pergolizzi dipinge il ritratto di una Italia macchiata da un’infinità di crimini impuniti: i crimini ambientali.

I suoi racconti attraversano i territori e le città come una mappa al contrario, un percorso che nessun turista vorrà mai fare.

Ad ogni indagine, Polizia e PM ricostruiscono pazientemente le trame dei traffici e degli accordi malavitosi o persino apparentemente legali, che legano tra loro le aziende che speculano su una grande questione irrisolta della “moderna” civiltà consumista: che fine far fare agli scarti di produzione degli oggetti che ci circondano? Leggi di più

ll deserto negli occhi – storia di un “tuareg”

il deserto negli occhi - copertinaIl libro “Il deserto negli occhi”, arrivato nelle librerie a settembre 2013 e presentato al pubblico in anteprima al festival letterario “Pordenone legge” lo scorso 20 settembre, racconta la storia dell’autore, Ibrahim Kane Annour, ripercorrendo le tappe salienti della sua vita. Ibrahim è nato 47 anni fa in Niger, è di etnia Tuareg, il popolo nomade che vive nel deserto del Sahara. Come nella tradizione tuareg, Ibrahim viene fin da piccolo educato alla conoscenza del deserto e della cultura del suo popolo, sparso fra Niger, Mali, Libia, Algeria, Ciad e Burkina Faso. Un contesto difficile, il deserto, ma anche pieno di ricchezza e di bellezza.

Leggi di più

Vajont, ma le responsabilità?

copj1703A cinquant’anni dalla tragedia del Vajont è stato ripubblicato il libro di Mario Passi, il primo giornalista accorso sulla scena del più grande disastro ambientale italiano. Mario Passi, Vajont senza fine. Baldini & Castaldi, 2013, 174 pagine. € 8,90

Sottovalutazione del rischio ambientale, smisurati interessi economici, sciatteria e connivenza scientifica, disprezzo per la sicurezza delle popolazioni. Tutto questo, e molto altro, è la tragedia della diga del Vajont raccontata nel libro di Mario Passi, inviato speciale de L’Unità all’epoca dei fatti. Scrive Marco Paolini, nella prefazione del volume: “quando tra il 1994 e il 1998 mi sono occupato attivamente di questa storia, raccontandola e raccontandola, per capirla io stesso a poco a poco mi sono ammalato; a un certo punto ho deciso di smettere di raccontarla, perché ogni altra cosa rischiava di apparire meno importante al confronto. Le dimensioni della tragedia, il ruolo svolto dai vari protagonisti della storia, la gigantesca rimozione collettiva della stessa operata dalla società italiana nel suo insieme, con poche eccezioni, rischiavano di lasciare annichilito chi vi si avvicinava. Leggi di più

Passi racconta Tiezzi, tra economia, ecologia e filosofia

tiezzigiustoIl libro di Lucio Passi ripercorre la traiettoria culturale, scientifica e politica di Enzo Tiezzi, intrecciandola con gli avvenimenti e con il contesto storico che ha visto il nuovo ambientalismo italiano affermarsi nella sua forma matura.

Il volume, nella prima parte, fa emergere l’importanza del contributo che a partire dagli anni ’80 Enzo Tiezzi fornì all’ecologismo. Leggi di più

‘Granpà’: un nonno e un nipote per un western ecologico

miazziCamelozampa” è una casa editrice indipendente nata nel 2011 dalla fusione tra due micro imprese culturali padovane, le case editrici Camelopardus e Zampanera. Si occupa soprattutto di libri per bambini e ragazzi, affiancando la riscoperta di grandi autori internazionali, mai pubblicati in Italia o dimenticati troppo presto dai grandi gruppi editoriali, alla valorizzazione del lavoro di giovani autori e illustratori italiani. Il tutto nella logica “No Editoria a Pagamento“, nessun contributo economico alla pubblicazione da parte degli autori, e “Km 0“, per la “filiera corta” che privilegia nelle collaborazioni le aziende locali, spesso a conduzione familiare.   Leggi di più