Feed on
Posts
Comments

17556_201_mediumGentile Ministro Flavio Zanonato

Legambiente, nel congratularsi, le augura buon lavoro in un Ministero, quello dello Sviluppo Economico, che è snodo fondamentale per una nuova Italia. Vogliamo sperare che Lei terrà presente – visto che lo ha sperimentato da Sindaco – quanto la green economy per il nostro Paese rappresenti un’occasione imperdibile per rilanciare interi comparti della economia nazionale e promuovere modelli virtuosi di gestione ambientale e conservazione del territorio.

Una ricerca recente della Fondazione Symbola ci ricorda che “in Veneto, nell’ultimo quadriennio, quasi un’impresa industriale e terziaria su quattro ha investito in tecnologie green a maggior risparmio energetico e/o a minor impatto ambientale”; si tratta di circa 33.900 imprese, che rappresentano quasi il 10% di tutte le aziende che hanno investito nel green in Italia (solo la Lombardia con il 19,3% ha contribuito di più), nonché il 24% del totale regionale. Noi tutti sappiamo che è una sfida alla quale il Veneto, cuore della manifattura, e di molto export, sta dando un contributo importante. Ne faccia l’orizzonte di sviluppo per l’Italia.

Augurandole buon lavoro,
porgiamo i nostri cordiali saluti

Legambiente Padova

7 Responses to “Sindaco Ministro: buon lavoro (verde)”

  1. Lorenzo Filippi ha detto:

    Abbiamo visto cosa vorrebbe Zanonato: centrali nucleari, Ponte di Messina, TAV. A quando la smentita anche per il TAV?

  2. Lucio Passi ha detto:

    Dopo le aperture al nucelare, altro che auguri…

    • caterina ha detto:

      Normalmente non difendo Zanonato, nè ho trovato la sua risposta brillante. Ma mi pare che non si possa parlare di apertura al nucleare, se si legge quello che ha detto per intero. In Francia ce l’hanno e poco possiamo farci. L’ha comunque escluso per l’Italia. Non possiamo ritenere essere informati correttamente dalle estrapolazioni giornalistiche da il Mattino…
      Gli auguri siano sinceri o non siano. Non abbiamo bisogno d’altro.

    • Grazia Tota ha detto:

      Ma qualcuno si fa ancora illusioni? E meno male che avevamo, come Legambiente, fatto sottoscrivere degli impegni seri ai candidati delle ultime comunali… per avere costruzioni sugli argini.. ecc…?? 🙁

  3. ecopolis ha detto:

    su questi argomenti, cioè capire quali idee, progetti servono x la città sostenibile, quali le priorità, sabato 25 maggio, ore 10, alla sala Nassiryia in piazza dei Signori, Ecopolis newsletter intervista pubblicamente alcuni esponenti politici padovani sui temi del cambiamento.
    “PADOVA HA VOGLIA DI FUTURO: Quali i progetti per uno sviluppo locale sostenibile? Un sindaco di svolta nel 2014; quale idea di città serve?”

    Hanno già accettato di intervenire (in ordine rigorosamente alfabetico): Francesco Fiore (Padova 2020), Marina Mancin (SEL), Giovanni Maria Martingano (Movimento 5 Stelle) e Daniela Ruffini (Rifondazione). Siamo in attesa di una conferma da Ivo Rossi (Pd).

  4. Renato Mazzucco ha detto:

    Trovo fuori luogo questo messaggio di congratulazioni : ce n’era proprio bisogno ?
    In questa specie di governo tenuto in piedi da Berlusconi & C, c’è quanto di peggio possa sperare una persona che ha cuore l’ambiente: ricordo solo le figure del “cementiere” Girlanda e di Lupi che butterebbe cemento a ogni piè sospinto

    • ecopolis ha detto:

      Congratulazioni ed auguri sono il minimo di cortesia rivolti a chi governa la tua città e diventa Ministro.
      Nel messaggio Legambiente Padova sottolineava le priorità di sviluppo, per altro già in atto in Veneto, seppur poco conosciute alla cronaca e a gran parte della politica.
      Purtroppo Zanonato Ministro in questi primi giorni ha dato indicazioni che vanno in tutta altra direzione.
      Dimostrando che di auguri – e dati ed esempi sul buon sviluppo, quello durevole e verde, che ricerca innovazione di prodotto e processo – ve ne era un gran bisogno.

      Sul dibattito circa il futuro sostenibile a Padova e nuovo Sindaco rimandiamo all’iniziativa di ecopolis del 25 maggio (vedi http://www.legambientepadova.it/futuro_confronto)

Leave a Reply