Feed on
Posts
Comments

La fusione delle multiutility AcegasAps-Hera ha ingenerato un dibattito in pieno svolgimento: sempre di più arricchito da contributi a firma di esponenti di comitati cittadini e dell’associazionismo padovano. Ne pubblichiamo tre fra quelle arrivate in redazione.

Il Comitato “Lasciateci Respirare” di Padova analizza la situazione ricordando la promessa fatta da SEL e IDV di chiudere la prima linea dell’inceneritore, promessa fatta alla luce del nuovo Piano Provinciale gestione rifiuti urbani 2010-19, contestato per le sue previsioni. “Perchè non sono state richieste [da parte di SEL e IDV] ad Hera le stesse cose contenute nelle “osservazioni” presentate in Regione? Era chiedere troppo, era a rischio la fusione?”

Clicca qui per leggere l’articolo completo.

Alessandro Punzo, del Comitato Provinciale “Due Sì per l’acqua bene comune” di Padova, fornisce una buona analisi delle parti in causa di questa fusione, nonché i motivi retrostanti ai processi di privatizzazione dei beni comuni, contestualizzandoli nel più ampio contesto dei processi economici di questi anni. “Il processo con cui ci si è avviati alla fusione va nel senso diametralmente opposto all’indicazione referendaria dello scorso anno. […] Nella sostanza si avalla la logica del primato degli interessi finanziari e del mercato riproducendo la stessa logica gestionale che peraltro ha portato le due società ad avere il loro “bel” debito accumulato dai rispettivi consigli di amministrazione (circa 3 miliardi di €), stipendiati con cifre a sei zero.”

Clicca qui per l’articolo completo.

Giuliana Beltrame, dello stesso comitato, rappresenta efficacemente le posizioni in campo e chi le sostiene: cittadini classificati come “no global” se contestano, e amministratori che ritengono la trasparenza una benevola concessione. “Molto diversi gli interrogativi e le scelte di molti Comuni dell’Emilia Romagna. Il sindaco di Forlì (PD), nel dichiarare l’opposizione sua e dell’intero consiglio comunale, afferma: “Noi intendiamo dire, con chiarezza, ai nostri amici soci pubblici che quest’ampliamento della base sociale rafforzerà il capitale, ma renderà ancora più problematici i rapporti fra management e territori emiliano-romagnoli, fra l’altro diluiti nelle percentuali; e che ciò indurrà l’azienda, una grande spa quotata in borsa, a muoversi secondo logiche privatistiche ancora più marcate di quanto oggi non avvenga. Il processo che abbiamo davanti è chiaro: perché mistificarlo?” Come invece stanno facendo con una certa dose di supponenza i nostri amministratori nelle loro dichiarazioni.”

Clicca qui per l’articolo completo.

A cura della Redazione di Ecopolis

Leave a Reply