Nuovo Polo della salute: manca un vero progetto urbano

L’Accordo di Programma per il nuovo Ospedale di Padova sottoscritto in questi giorni ripropone nella sostanza le stesse logiche degli anni Cinquanta che collocarono le cliniche all’interno del centro storico.

Leggi di più

Sì alla Nuova Pediatria ma non a danno dei monumenti cittadini!

La petizione al Direttore generale e ai Comitati tecnico-scientifici di Settore del MiBAC è l’ultima azione messa in atto dalla società civile padovana, rappresentata da numerosi Enti, Associazioni e gruppi culturali, per impedire che l’incongruo parallelepipedo della Nuova Pediatria, 72×25 m di pianta per 31 m di altezza, venga realizzato a ridosso delle mura cinquecentesche.

Un edificio decisamente fuori scala, Leggi di più

Mura e ospedale tra urbanistica e antiurbanistica, una lunga storia

“Le mura violate, il contesto negato: qualche indicazione per salvare il salvabile”. Così esordisce Ugo Fadini il 7 dicembre, nell’ultimo incontro del ciclo Urbs ipsa moenia.

Il ciclo è stato organizzato a palazzo Moroni dal Comitato Mura di Padova, da sempre impegnato a valorizzare il patrimonio storico-artistico e naturalistico costituito dalla cinta muraria cinquecentesca e relative pertinenze. Leggi di più

Urban center e partecipazione, si cominci con l’ospedale

Una settimana fa è stato sottoscritto l’atto notarile con cui il Comune di Padova ha ceduto gratuitamente all’Azienda Ospedaliera di Padova l’area di Padova Est, necessaria per la costruzione del Nuovo Ospedale cittadino.  

Si tratta di circa 51 ettari di cui 40 destinati al Policlinico Universitario e 11 per le opere infrastrutturali ed i parcheggi. Leggi di più

La nuova pediatria, il Parco delle Mura e il futuro della città

comitato mura nuova pediatriaSta per verificarsi uno di quegli annunciati terremoti urbanistici, generati da tanti attori diversi che, animati da buone e anche nobili intenzioni, agiscono nel rispetto di leggi e vincoli.

Ma sono incapaci, per ragioni diverse, di prevedere l’incombente disastro e di scegliere una possibile (come nel caso in esame) soluzione alternativa; ognuno paralizzato dal timore di essere additato come “colui che ha bloccato tutto”. Leggi di più

Nuovo Ospedale: come rigenerare l’area di via Giustiniani

H PD vista aereaIl Consiglio Comunale ha approvato il preaccordo con la Regione Veneto, prodromico al successivo Accordo di Programma, per la realizzazione del Nuovo Polo della Salute di Padova.

Che sarà distinto in due poli: un Policlinico Universitario ad alta tecnologia nel quartiere S. Lazzaro e un Ospedale Territoriale, completamente rinnovato, nell’attuale sito di via Giustiniani.

Leggi di più

Il nuovo ospedale può diventare un’occasione anche per il turismo fluviale

AmissiLa decisione di riorganizzare lo spazio ospedaliero della città di Padova è il più importante progetto di riorganizzazione urbanistica della città degli ultimi 70 anni. Un momento fondamentale che durerà molto tempo (speriamo il meno possibile).

Padova, che ci piaccia o meno, non sarà più quella di prima. Per l’Associazione culturale ed ambientalista Amissi del Piovego è la più importante occasione per ridiscutere della gestione e valorizzazione delle acque interne, probabilmente l’unica occasione.  Leggi di più

Riprogettare con un occhio alle mura: le occasioni del nuovo ospedale

pediatria padovaL’accordo sulla creazione di due poli ospedalieri, uno “cittadinoe uno “dell’innovazione” pone di fronte alla dura realtà l’originario obiettivo di evitare il “consumo di suolo”. Questa soluzione però può diventare spunto per cogliere almeno l’occasione di rimediare, seppur parzialmente ma in modo serio, ai tanti sfregi edilizi che nei decenni hanno sfigurato l’area ospedaliera di via Giustiniani.

Questo quanto la sezione padovana di Italia Nostra scrive alle autorità cittadine, alla Regione e alla stampa. Leggi di più

Sì al Nuovo Giustinianeo. Ora si entri nel merito e la nuova pediatria rispetti le mura

pediatria comitato mura veduta sud ridottaLa decisione di un unico Ospedale in due parti integrate: “polo cittadino” e “polo dell’innovazione”, appare saggia e lungimirante.

Questo è il giudizio esplicito del Comitato Mura che vede nel primo polo, attraverso la ristrutturazione e modernizzazione dell’attuale comparto di via Giustiniani, l’opportunità per riabilitare questa zona del centro di Padova e per accelerare la realizzazione di un tratto importante del Parco delle Mura e delle Acque, integrato con le funzionalità ospedaliere che si deciderà di mantenere nell’area. Leggi di più

Nuovo Ospedale: come si sceglie dove costruirlo?

Nuovo ospedaleIl merito della proposta di Giordani, quando rilancia l’Ospedale nuovo sul vecchio, è essenzialmente quello di consentire delle riflessioni che fin qui – benché se ne discuta da 10 anni – a noi pare non siano mai state affrontate.

La scelta localizzativa (nuovo su vecchio o nuovo polo della sanità), oltre a dover assicurare condizioni ottimali per l’organizzazione funzionale dei servizi ospedalieri e per lo svolgimento degli interventi edilizi, non può che derivare da un preventivo studio (MasterPlan) di inquadramento urbano Leggi di più

Nuovo Ospedale: riqualificare o costruirne un altro? Modelli di sanità e multidisciplinarità a confronto

nantes-et-les-machines-de-l-ile.jpgIn oltre un decennio di dibattito sull’ospedale di Padova, troppo spesso si è sentito parlare del dove, talvolta del come, ma quasi mai si è specificato cosa.

Ci si chiede infatti se abbia senso discutere se sia meglio riqualificare l’esistente o costruire ex-novo, e in quest’ultimo caso, affannarsi a scegliere l’area, in un susseguirsi di ipotesi che talvolta ha assunto contorni grotteschi, senza aver ben chiaro qual è il modello di sanità al quale vogliamo tendere. 

È chiaro che il problema va affrontato sotto tutti gli aspetti che compongono la sua complessità, tenendo bene a mente che le scelte adottate si ripercuoteranno sul destino della città e della provincia. Leggi di più

Per garantire servizi sanitari non serve un nuovo ospedale. Lo dice la Scuola di Medicina dell’Università

Ospedale PadovaIl dottor Tullio Todescoex dirigente di primo piano Organizzazione del Servizio Sanitario, interviene (qui il testo integrale) nel dibattito sul nuovo ospedale, per condannare  il  “decisionismo autoritario” che ha deciso di abbandonare l’esistente ospedale.

Sostiene che una qualche ragione per la ricostruzione dell’ospedale può essere trovata sul piano edilizio, ma non sul piano tecnico sanitario dove sono altre le priorità

Per quest’ultime è decisamente preferibile la conservazione e il razionale rinnovamento dell’attuale complesso Leggi di più

Gentile Penta, intervenga subito per la salute e la sostenibilità a Padova

michele_penta_padovaEgregio commissario Penta, le scriviamo per sottoporle alcune questioni controverse, di grande importanza per la città, che sono rimaste aperte dopo la caduta della giunta Bitonci e che, secondo noi, non possono attendere 9-10 mesi per essere affrontate”.

Inizia così la lettera aperta (scarica qui l’originale) inviata stamani al Commissario, nella quale lo si invita a prendere decisioni urgenti rispetto all’emergenza smog, la collocazione del nuovo ospedale, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e sul Parco Agro-Paesaggistico Metropolitano. Leggi di più

Sul nuovo Ospedale Padova è divisa. Commissario Penta, è il momento di un referendum?

Ospedale PadovaSono molti i punti di contrasto e le contraddizioni relative alla costruzione di un nuovo ospedale a Padova, a partire dal fatto che nel programma elettorale Bitonci scriveva altro.

Sono troppi? è arrivato il momento di indire un referendum, sostitutivo di quel processo partecipativo che non c’è stato?

A “favore” del commissario Penta, che sicuramente legge ecopolis, proviamo a ricordare alcune delle principali criticità emerse circa l’ipotesi di una dislocazione periferica. Leggi di più

La sfida di Padova Futura: l’ospedale sia parte della città

L' Area Ospedaliera RiqualificataUn ospedale deve essere per forza associato solo al malessere?

O esiste la possibilità di viverlo come luogo di storia e cultura, integrato con la città, inserito in un continuum urbano?

Il blog Padova Futura lancia la sfida della riqualificazione dell’area dell’ospedale esistente (“il nuovo sul vecchio”) contro una nuova edificazione di polo ospedaliero in aree periferiche.

“L’ospedale non è una cosa completamente estranea, ma un edificio aperto alla città. Leggi di più

Riqualificare mura e bastione. Una necessità, ovunque vada l’ospedale

mura_bastione_cornaro_ospedale_padovaQuale futuro per l’attuale area ospedaliera di Padova?

Una volta che l’ospedale sarà trasferito a Padova Est, non si sa ancora a quale ruolo sarà destinata. Alcune associazioni sottolineano il valore strategico di recuperare e riqualificare questa zona.

A prescindere da tempi, modi (e luogo?) del probabile (?) trasferimento dell’attuale nosocomio, il presidente onorario degli Amissi del Piovego, Elio Franzin Leggi di più