Euganea Movie Movement e il rilancio culturale di Villa Pisani a Monselice

Oggi vorremmo soffermarci su una esperienza positiva di valorizzazione di un bene culturale, resa possibile grazie alla sinergia tra amministrazioni pubbliche e cittadinanza. 

Da qualche anno Villa Pisani, un maestoso edificio del XVI secolo che sorge nel centro di Monselice, viene regolarmente aperta al pubblico dall’Associazione Euganea Movie Movement che vi ha sede.   Leggi di più

Movimento Cambiamo Aria: “I dati sono chiari, il cementificio va chiuso”

È passato un anno da quando il Comitato popolare Lasciateci respirare ha denunciato la forte presenza di diossine e altri inquinanti nel grasso animale di un pollo ruspante prelevato alle pendici del Montericco.

Ad ottobre però la provincia di Padova ha deciso di non procedere con il riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale (AIA) concedendo di fatto al cementificio di Monselice di proseguire la sua attività fino al 2029. Leggi di più

Nè mare né montagna? Il Parco Buzzacarini si presenta

divertitti CroppedTra il caldo cittadino, strade asfaltate, negozi e centri commerciali, accade a volte che le piccole cittadine di provincia nascondano dei luoghi incantati e ameni. Dei veri e propri “tesori” per chi non può andare in vacanza o non ha la possibilità di allontanarsi dal proprio quartiere.

Succede così di scoprire a Monselice un parco meraviglioso (maggiori info qui) con 35 mila mq di verde nel cuore della cittadina medievale, nascosto dalle antiche mura del convento dei frati. Leggi di più

Diossina a Monselice, i cittadini chiedono la chiusura del cementificio

Monselice-in-piazza.-Stop-alla-diossina_articleimage CroppedMigliaia di persone lo scorso 11 maggio hanno raccolto l’invito del Movimento civico Cambiamo aria, portando per le strade di Monselice fiaccole e striscioni, cartelli e slogan con i quali chiedevano a gran voce di chiudere la fonte del grave inquinamento registrato nell’area del Monte Ricco.

PCB, diossine, benzene, IPA e altre sostanze tossiche e cancerogene sono state infatti ritrovate nelle zone di ricaduta dei fumi del cementificio di Monselice, risultando in alcuni casi superiori alla soglia di contaminazione, in altri superiori ai livelli di attenzione. Leggi di più

Inquinamento da diossina a Monselice, Cambiamo Aria lancia la mobilitazione

MonseliceNelle zone di ricaduta dei fumi della cementeria di Monselice si è rilevata la presenza di diossine, furani – 21,1 volte rispetto alle zone non esposte –  prodotti clorulati e idrocarburi policiclici aromatici: tutte sostanze cancerogene o che interferiscono con il sistema ormonale.

Sono prodotte dal cementificio, che le spande da decenni nell’aria che respiriamo e sui terreni attraverso i fumi, bruciando ogni anno non solo circa 74.000 tonnellate di pet coke ma anche rifiuti, Leggi di più

Gallina ruspante non più commestibile. Monselice lancia la petizione: rifiuti come combustibili? No grazie

Monselice_css_cementifici 2Le analisi intorno ad impianti d’incenerimento e cementifici che utilizzano rifiuti come combustibile o come sostitutivo alle materie prime dicono che sulle uova e sui grassi animali si riscontrano presenze (spesso rilevanti) di diossine, furani, PCB (policlorobifenili) e altre sostanze cancerogene. In Italia, analoghi risultati li ritroviamo a Fanna (Pn), a Parma, a Montale (Pt), a Forlì.

Nella capitale dei cementifici, tra Este e Monselice (3 impianti nel raggio di 5 Km), comitati e associazioni avevano per anni, inutilmente, chiesto indagini e ricerche alle autorità preposte. Leggi di più

Italcementi bocciata: il Tar conferma il Piano Ambientale del Parco Colli

cementeria monseliceATTENZIONE: per leggere l’articolo di questa settimana “Un anno di mappatura partecipata: i primi risultati del progetto Piste RiCiclabili” CLICCA QUI

*********

La strategia attuata dai cementieri e dai loro protettori politici, che miravano a snaturare i principi cardine del Piano Ambientale, è fallita.

Il 29 agosto 2017 infatti è stata pubblicata la sentenza 809/2017 con la quale il TAR del Veneto ha respinto i ricorsi che Italcementi aveva presentato contro l’Ente Parco Regionale dei Colli Euganei nel 1994 e a seguire nel 1999.

(…) Una sentenza (…) che riconferma il pronunciamento del Tar n. 2858/06 del 6 settembre 2006 Leggi di più

Ci stanno rompendo i polmoni!

cementeria_monseliceI dati dell’Agenzia europea dell’ambiente (Aea) mostrano che tra i paesi UE, l’Italia è quello che registra più morti premature a causa dell’inquinamento atmosferico e l’area più colpita è proprio la Pianura Padana. Tra i maggiori responsabili, oltre e a particolato e ozono, ci sono gli ossidi di azoto (NOx) creati durante i processi di combustione.

Mentre in tutto il mondo si tende a diminuire le emissioni  di questo pericoloso inquinante, nel nostro paese succede proprio l’opposto. La “Cementeria di Monselice” ad esempio negli ultimi anni ha aumentato in modo importante le emissioni di NOx (tabella 1, vedi qui).  Leggi di più

Idee giuste per il recupero della Rocca di Monselice

monselice_rocca_brunoroSono passati quasi nove anni da quando il comitato Lasciateci respirare, il comitato Difesa Colli Euganei e Italia Nostra hanno lanciato un appello contro una serie di progetti, presentati dalla Direzione Lavori Pubblici della Regione, che andavano ad interessare in modo invasivo e pericoloso il colle della Rocca di Monselice.

Oggi – vista l’inerzia pubblica – dal Comitato Lasciateci respirare arriva un articolato progetto culturale, di salavaguardia e valorizzazione, che comprende anche il superamento di barriere architettoniche. Leggi di più

Passo dopo passo, come pellegrini, cercando la memoria

strada santuario_MonselicePer chi percorre un tragitto, l’importante è arrivare, sempre e comunque, nel modo più veloce, più comodo possibile alla destinazione, sia esso una attrazione turistica o un luogo in cui si svolgono attività collettive ?

In una lettera aperta (il testo integrale è apparso sul portale Bassa Padovana, laboratorio sociale qui) Gianni Sandon affronta questa domanda, mettendo in discussione la presunta necessità di installare un ascensore a Monselice per il trasporto dei visitatori dal piano sino alla Rocca di Monselice, Leggi di più

Rocca di Monselice: basta infrastrutture inutili e costose!

rocca_monselice_ascensoreRegione Veneto: a bilancio 5.370.000 € per migliorare la fruizione della Rocca di Monselice “e completare le opere intraprese”. Ma i soldi per ascensore (1.900.000), mastio (600.000) e casa Bernardini (250.000) vanno spesi in modo diverso, altrimenti provocano danni: molte le proposte. E’ la lettera dei comitati e associazioni ambientaliste dei Colli Euganei al Vice Presidente e ai consiglieri regionali.

Egregio Assessore Zorzato, egregi Consiglieri,

troviamo quanto mai deludente che sulla questione con tante implicazioni culturali ed economiche, ma anche giudiziarie, come quella degli interventi sul colle della Rocca si continui a procedere con metodi così sbrigativi. Leggi di più