Contro smog e cambiamenti climatici ripensiamo la nostra mobilità

Lo smog non dà tregua alla nostra città: l’inverno appena concluso è stato il peggiore degli ultimi anni: più di un giorno su due l’aria è stata fuorilegge e già a marzo è stato superato il limite massimo annuo dei 35 giorni di mal’aria.

Secondo Legambiente, per fermare l’emergenza smog  serve un ripensamento radicale della mobilità, che vada anche nella necessaria direzione di ridurre le emissioni causa dei cambiamenti climatici. Leggi di più

Torna il Treno Verde a Padova, missione: una mobilità a zero emissioni!

A Padova torna dopo più di dieci anni il Treno Verde, la campagna itinerante di Legambiente e Ferrovie dello Stato.

La sua missione per il 2019 è la diffusione di un nuova mobilità elettrica, leggera, condivisa che ridisegni le nostre città, anche per rispondere ai cambiamenti climatici già in atto (ne abbiamo parlato qui). Leggi di più

Circolare Mura, è già pronta la prima espansione per la Bicipolitana

Il progetto della Bicipolitana ha trovato un riscontro tale che è già stata avanzata la proposta di aggiungere un ulteriore tracciato a quella che sarà la rete di itinerari ciclabili rapidi della città.

Nella fase della raccolta delle osservazioni al progetto da parte dei cittadini, infatti, alcuni soci di Legambiente hanno presentato un progetto integrativo per la pianificazione di un nuovo percorso: la Circolare Medievale. Leggi di più

Bike to school, a San Bellino va in scena una buona pratica contro lo smog

Gli stili di vita nella lotta allo smog contano, sta a ciascuno di noi fare la propria parte. È questa l’idea per cui è nato il progetto Bike to School, organizzato dal Gruppo Vivere Bene a San Bellino con due scuole del quartiere.

Dopo un primo buon risultato, tante le idee del gruppo per per strutturarlo e diffonderlo ulteriormente a partire dalla primavera. Leggi di più

Una Legge di bilancio green, ecco le proposte di Legambiente

Legambiente, nell’ambito del convegno Green Mobility tenutosi a Roma, ha presentato una serie di proposte alla legge di bilancio 2019 “a gettito fiscale inalterato” per incentivare la buona mobilità e tassare inquinamento e spreco in maniera intelligente e sostenibile, fermo restando che la possibilità di muoversi è una libertà che va garantita a tutti a prezzi e rischi accettabili. Leggi di più

Una scuola che cammina. Tutti a Piedibus!

Piedibus-Lugagnano-linea-gialla-settembre-2014Perché far nascere un progetto Piedibus a Selvazzano?

Perché nel quotidiano tragitto casa-scuola lo smisurato traffico di automobili mattutine congestiona l’intera zona limitrofa alla scuola, contribuendo all’innalzamento dello smog nell’aria. Per non parlare dei pericoli ai pedoni e biciclette transitanti. Leggi di più

Ciclabilità fluida, sicura e diffusa: la risposta concreta è la Bicipolitana

bicipolitanaL’annuncio del Vicesindaco Arturo Lorenzoni è dell’11 marzo scorso: anche Padova avrà la sua Bicipolitana.

È una proposta partita da Legambiente che insieme con la rete di 9 associazioni di A ruota Libera da tempo chiedeva di realizzare un vasto progetto sulla ciclabilità urbana, per ampliare e migliorare la rete esistente.

Da qualche settimana è stato avviato un gruppo di lavoro composto da tecnici comunali appartenenti a diversi settori e aperto a esperti esterni. Leggi di più

BiciPolitana e zone 30: ecco la vera rivoluzione per le bici. La chiediamo alla nuova amministrazione

bici_Padova_ciclabili_invaseAuto parcheggiate sulle ciclabili; rotatorie insicure per bici e pedoni; mancato rispetto dei limiti di velocità; svolte a destra senza guardare; ciclabili che finisce all’improvviso … il repertorio sarebbe ancora più lungo. Sono alcune delle cose che accadono quotidianamente in città dove chi guida l’auto ritiene di essere il padrone della strada.

Per migliorare la ciclabilità Legambiente ha una visione strategica, innovativa, che si articola in due idee forti ed una serie di interventi, necessari, urgenti e propedeutici per trasformare Padova in città amica della bici. Leggi di più

Pericolose per le bici: sono le rotatorie volute da Bitonci. A Lorenzoni chiediamo di intervenire

stanga_pedonePadova vanta una tradizione decennale di rotatorie, realizzate in tutti gli incroci lungo la circonvallazione e in molte altre strade. Sono state realizzate utilizzando, quasi sempre, i principi della moderazione del traffico.

Cioè, oltre a verificare dimensioni e raggio di curvatura per garantire la fluidità del traffico veicolare, contemporaneamente è stata posta attenzione alla sicurezza delle categorie deboli della strada: i pedoni e i ciclisti.

Purtroppo questa tradizione con l’arrivo di Bitonci si è interrotta Leggi di più

Le bici affollano il tratto padovano della Treviso Ostiglia. 12 anni fa alcuni là volevano una camionabile

ponte ostiglia_brentaCon la posa del ponte ciclopedonale sul Brenta – 125 metri di acciaio sorretti da due tralicci alti 24 – è stato completato il tratto padovano della ciclabile Ostiglia Treviso, tra Trebaseleghe e Campodoro.

Terminati i lavori anche nel tratto vicentino e mantovano, il tracciato collegherà Treviso ad Ostiglia, a sud di Mantova: il percorso, pianeggiante, prevalentemente asfaltato e alberato, segue in gran parte l’ex ferrovia militare Treviso Ostiglia, lunga 116 chilometri, costruita nel 1919 e dismessa definitivamente dopo i pesanti bombardamenti avvenuti durante la seconda guerra mondiale. Leggi di più

Un anno di mappatura partecipata: primi risultati del progetto Piste riCiclabili

mappa_pistericiclabiliVenerdì e sabato scorsi sono state due giornate importanti per PISTE riCICLABILI, il progetto innovativo finanziato dall’Università di Padova (responsabile il prof. Massimo De Marchi del DICEA) per la mappatura delle criticità rilevate dai ciclisti (se non usate ancora l’app, trovate tutte le informazioni qui).

Due giornate di lavoro, dedicate alla presentazione dei risultati del primo quadrimestre, durante il seminario “Work in progress”, e alla verifica di alcuni dei punti segnalati in zona Portello e Ospedali Leggi di più

Storie di Piedibus, l’autobus a piedi che riduce l’inquinamento

PiedibusTredici anni fa arrivò il Piedibus a Padova, un “autobus a piedi” composto da persone, che si ferma ad orari precisi presso determinate “stazioni” per portare alunni delle elementari a scuola. Obiettivo: l’abbattimento delle emissioni inquinanti e lo sviluppo dell’autonomia e della socializzazione dei bambini.

Dopo un inizio spontaneo, il Comune di Padova ha deciso di farsene carico tramite Informambiente.

A portarlo nel gennaio 2004 nella nostra città fu Orsola Boran Leggi di più

Non abbandonate il bikesharing! Un’ottima idea a rischio se lasciata a metà

bike sharing_padovaPromettente, ma che fatica decollare!

Il Goodbike Padova, servizio di bikesharing con poco meno di 200.000 viaggi all’anno, ha un numero di utenti che non cresce, anzi soffre di un visibile calo.

Eppure i pendolari in transito ogni giorno sono 48.000 e gli iscritti all’Università più di 57.000 l’anno (Fonte: Velocittà). Un bacino di utenti potenziali enorme, a cui andrebbe aggiunto il numero crescente dei turisti che visitano la città. Per non parlare dei tantissimi padovani stufi di vedersi rubare in continuazione la loro bicicletta. Leggi di più

Universitari in bici, cosa serve? Non multe ma doppi sensi. Ci vediamo il 26 novembre

doppio senso bici_Parigi1Muoviamoci – A ruota libera lancia un’iniziativa in via del Vescovado il pomeriggio di sabato 26 novembre.

La Rete civica, composta da diverse realtà locali che si occupano di mobilità sostenibile, dopo la petizione sulle Zone 30, di cui abbiamo parlato qui, si trova in piazza per un obiettivo chiaro: una Padova aperta alla mobilità sostenibile, grazie al doppio senso delle bici, come avviene in molte città europee.

Il ciclista, come dimostrano degli studi, cerca il tratto più breve tra la partenza e l’arrivo. Una ciclabilità diffusa nella nostra città porterebbe quindi a un incremento dell’uso delle biciclette Leggi di più

Strano ma vero: Padova sta elaborando Piano urbano mobilità sostenibile

mobilità_padova_autobus.jpgLa prosecuzione del tram fino ad Albignasego e Cadoneghe*; la realizzazione delle linee 2 e 3 del tram, l’unico per il quale il codice della strada prevede la corsia dedicata.

E poi la cura del ferro con l’adeguamento della linea ferroviaria merci “stazione – ZIP” ad uso passeggeri; fermate di metropolitana urbana e suburbana a Campo di Marte/ospedale Brusegana e ad Armistizio (tirate fuori dai cassetti regionali il SFMR fermo dal 2008); la “gronda sud”, nuova linea ferroviaria da Camin a Giarre di Abano, per uso misto (passeggeri e merci) che passi da Ponte San Nicolò.

Ed ancora, la realizzazione di un’area C (congestion charge) sull’esempio di Milano Leggi di più

Per una mobilità sostenibile: Legambiente lancia il G.A.M.E.

ruota elettrica bici_padova“L’unione fa la bici”. Con questo slogan nasce in Italia il Gruppo di Acquisto Mobilità Elettrica (G.A.M.E.).

Il progetto, lanciato da Legambiente in collaborazione con VeloLove, ViviConStile ha, come media partner, Life Gate.

Legambiente Liguria agisce come centrale operativa e di coordinamento, mentre l’ideazione è stata di Davide Sabbadin, oggi responsabile nazionale efficenza energetica di Legambiente; ha come luoghi principali sette capoluoghi italiani: Milano, Bologna, Roma, Genova, Potenza, Palermo e la nostra città, Padova. Leggi di più