PM10 già superati gli sforamenti del 2016. Servono interventi strutturali

smog_padova_traffico_legambienteA fine ottobre i giorni di sforamento del limite di legge del Pm10 (50 microgrammi per metro cubo d’aria) hanno raggiunto il numero complessivo registrato in tutto il 2016: 66. E con il 2 novembre, siamo a 67.

E’ assolutamente preoccupante che con due mesi di anticipo il 2017 abbia già registrato a Padova più  sforamenti del limite di legge giornaliero di quelli complessivamente totalizzati in tutto il 2016. Va ricordato che sempre per legge i giorni di superamento del limite giornaliero non posso essere più di 35. Leggi di più

Allarme Ozono, a Padova l’aria è fuorilegge anche d’estate

Allarme OzonoPer la qualità dell’aria della nostra città sembra non esserci pace. Dopo un pessimo inverno a causa dei continui sforamenti della quantità di PM10 nell’aria (leggi qui), con l’arrivo della stagione calda torna anche l’allarme Ozono – il prodotto di una serie di reazioni chimiche provocate da alcuni inquinanti primari emessi dagli autoveicoli e favorite dalla presenza delle radiazioni solari.

Il 6 luglio il valore per la protezione della salute umana dall’Ozono – 120 microgrammi per metro cubo d’aria – è stato superato per 25 giorni Leggi di più

Padova quarta città più inquinata d’Italia. Tra i candidati, chi se ne occupa?

smog_padova_traffico_legambientePadova è la quarta città più inquinata d’Italia. Solo in questo primo scorcio di 2017, Padova ha superato per ben 48 giorni il limite di legge giornaliero di concentrazione delle PM10 (50 microgrammi per metro cubo d’aria), le polveri sottili responsabili di bronchiti, asme e tumori.

Padova ha fatto meglio solo di Torino (54 giorni), Frosinone e Cremona (52) e è a pari merito con Vicenza. Padova ha sensibilmente peggiorato la sua posizione rispetto al 2016 e al 2015 in cui era l’undicesima città più inquinata, e fa peggio delle altre città venete: Venezia è a 47 superamenti, Treviso a 42, Verona a 38. Leggi di più

Sostieni Legambiente per salvare il suolo: dona il 5 x 1000 per una città più verde

consumo_suolo_fiera_PadovaIniziamo dando i numeri: il primo è 92109710282, il codice fiscale di Legambiente Padova. 1.000 sono i kmq di suolo fertile che ogni anno in Europa spariscono sotto il cemento. 2° è la posizione del Veneto tra le regioni per maggior consumo di suolo in città e provincia e 49% è la superficie di Padova impermeabile. 

Da anni Legambiente Padova si batte per fermare la cementificazione. Donare il 5 per mille è un modo concreto per sostenere Legambiente Padova e difendere il suolo. Leggi di più

Battere lo smog si può: Veneto ed Emilia Romagna a confronto

inquinamento2Il Veneto, a differenza dell’Emilia-Romagna, non dà risposte all’altezza del problema dell’inquinamento delle proprie città.

Entrambe le regioni hanno approvato recentemente delle delibere regionali in materia: confrontiamole, per mettere in chiaro che battere lo smog si può.

La delibera veneta di novembre è purtroppo pilatesca: scarica infatti nuovamente sui Comuni gli interventi da adottare in caso di sforamento per tre giorni consecutivi dei 100mg/m3 di Pm10. Leggi di più

Ecosistema urbano, Padova peggiora: ora serve un Sindaco di svolta

Ecosistema-Urbano-LegambienteEcosistema urbano, giunto alla XXIII edizione, è la “fotografia ambientale” di tutti i capoluoghi italiani scattata annualmente da Legambiente, in collaborazione con il Sole 24 Ore, analizzati attraverso 17 parametri ambientali.

I dati di Padova riguardano il 2015 e illustrano i risultati delle politiche ambientali dell’Amministrazione comunale: stagnanti e mediocri. Padova risulta 39sima nella “classifica generale” dei capoluoghi, perdendo 4 posizioni dallo scorso anno dove era 35sima (vedi tabella 1). Su diciassette parametri (vedi tabella 2) Padova ne peggiora sei.

Leggi di più

Riparte il PM10 mentre l’amministrazione rimane immobile

viale_codalunga_Legambiente_padova16 giorni di pioggia in ottobre hanno tenuta l’aria di Padova sgombra dal Pm10 per quasi tutto il mese. Ma ora le temute polveri sottili si riaffacciano con nuovi picchi giornalieri.

Il 29 ottobre hanno fatto registrare 66 microgrammi per metro cubo d’aria e il primo novembre 67, quando il limite giornaliero è di 50 microgrammi da non superarsi per più di 35 giorni l’anno.

Siamo così, dall’inizio dell’anno,  a 40 superamenti del limite giornaliero, destinati ad aumentare nei prossimi mesi vista la stagione potenzialmente favorevole all’accumulo delle polveri sottili. Leggi di più

Aria fuorilegge a Padova

viale_codalunga_Legambiente_padovaLa stagione estiva, quella più favorevole alle concentrazioni di ozono, si è conclusa e la Legambiente traccia il consuntivo sulla presenza di questo inquinante nell’aria che respiriamo.

E’ stata una brutta estate per l’inquinamento da ozono.

Il valore per la protezione della salute umana dall’Ozono è stato superato per 40 giorni, certo meno dei 53 del  2015 ma più dei 31 giorni del 2014. Leggi di più

Ciclabilità a Padova: promesse e poi solo auto

14202761_1080940425276951_6621418464672244975_nPadova conta circa 168 chilometri di piste o corsie ciclabili (+3 km nell’ultimo intero anno, veramente poco [sigh!]), tra protette e non lungo le carreggiate stradali (dati Comune 2014) e un’altra trentina di km su argini e parchi.

Piste quasi tutte realizzate in otto anni delle passate amministrazioni, seguendo il Bici Master Plan, scaduto da quasi due anni, che andrebbe rinnovato. Leggi di più

Via S. Francesco resterà pedonale. Un altro buon motivo per sostenere Legambiente

via san francescoSono della scorsa settimana le dichiarazioni del Sindaco sulla non riapertura al traffico di via S. Francesco.

Le manovre dell’Assessore alla mobilità per riaprire al traffico via San Francesco con l’inizio dei lavori in via del Santo previsti per giugno sono state sventate, grazie all’opposizione dei residenti e dei commercianti della zona e di Legambiente.

Ora resta da capire se vi sarà una parziale riapertura temporanea, in concomitanza con i lavori, ma Legambiente continuerà a vigilare Leggi di più

Hai avuto la bronchite o una brutta influenza?

144287_71788_resize_597_334Dal 1 gennaio 2016 fino a mercoledì 10 febbraio Padova ha registrato 26 giorni di superamento del limite di legge di 50 microgrammi per metro cubo d’aria delle polveri sottili (PM10) (volendo “pignoleggiare” i superamenti andrebbero considerati 28, visto che domenica e mercoledì scorsi la centralina che fa media urbana ha registrato 50 microgrammi).

L’OMS considera questo limite di legge assolutamente inadeguato per proteggere la salute umana, e ne richiede un radicale abbassamento.

Non a caso lunedì scorso la Società italiana di pediatria (Sip) ha denunciato che i Pronto soccorso pediatrici, in questo periodo di forti picchi delle polveri sottili, hanno registrato un incremento del 25% degli accessi per emergenze respiratorie. Leggi di più

PM10, consuntivo 2015: media annuale mai così alta da 9 anni

padova_pm10_arpav_novembre1) POLVERI SOTTILI

Partiamo dal dato più significativo, quella relativo alla media annuale dell’inquinante più pericoloso: il PM10, le polveri sottili, per il quale l’agenzia europea per l’ambiente stima in Italia 59mila morti premature. Le polveri sottili sono costituite da una miscela di sostanze che includono elementi quali carbonio, piombo, nichel, cadmio, arsenico, nitrati, solfati e miscele complesse come particelle di suolo o gli scarichi dei veicoli diesel.

La centralina che registra il Pm10 di fondo, ovvero quella che sostanzialmente regista il dato più omogeneo per tutta la città è sita alla Mandria. Ebbene nel 2015 ha registrato una media annuale di oltre 46,2 microgrammi per metro cubo d’aria, quando il limite di legge è di 40 microgrammi. Leggi di più

Padova, la più inquinata d’Italia nel I trimestre 2015

viale codalunga2Padova vince il triste – e preoccupante – primato di essere la città più inquinata d’Italia secondo i dati ARPA relativi al I trimestre 2015.

E’ un primato ufficiale, calcolato sulla base delle rilevazioni fatte dalle Agenzie regionali per la protezione ambientale; l’8 giugno scorso sono stati resi noti i dati relativi al Pm10 nei primi tre mesi del 2015 per quanto riguarda l’aria delle trenta città più popolate d’Italia. Leggi di più

Veneto fuorilegge: 90 milioni di euro persi per lo smog padovano

ppLe polveri sottili (PM10) si sono attestate, al 31.12.2014, a 56 superamenti del limite giornaliero (50 μg/m3), da non superarsi per legge più di 35 giorni in un anno.

Anche per il 2014 questo inquinante nell’aria che respiriamo è quindi “fuorilegge”. “Certo – dichiara Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova – i superamenti sono stati inferiori a quelli dello scorso anno, grazie alla grande piovosità del 2014, ma l’elemento essenziale è che non siamo ancora scesi sotto la soglia di legge.

Leggi di più

Padova aveva voglia di cambiare

bitonciPadova, come abbiamo sempre detto, aveva voglia di cambiare. In tutte le nostre comunicazioni degli scorsi mesi abbiamo ribadito con forza che chi voleva essere il futuro sindaco avrebbe dovuto interpretare un cambiamento da più parti richiesto.

La campagna elettorale costruita dal centrosinistra cercando di raccontare una città che non esisteva (pensiamo, ad esempio, al tanto sbandierato aumento di verde e il cemento in diminuzione) mettendo a tacere le criticità, ha fatto emergere ciclicamente le molte contraddizioni. Leggi di più

Padova ha voglia di cambiare

ballottaggi-2011Padova ha voglia di cambiare. Lo dimostra lo stringente testa a testa al primo turno tra Bitonci e Rossi: il Sindaco uscente perde rispetto al risultato del PD alle europee 8 punti e rispetto al piazzamento di Zanonato al primo round del 2009  ben 12 punti. C’è poi l’irrompere sulla scena di una lista civica locale, Padova2020, nata solo sei mesi fa, che grazie al metodo partecipativo dal basso arriva al 10 %. E va anche sottolineato l’affermarsi di Candidati, in diverse coalizioni, che rivendicano esplicitamente le battaglie ambientaliste dell’ultimo quinquennio. Leggi di più