Ecosistema urbano: Padova migliora ma c’è ancora molto da fare

Quest’anno Padova scala di quindici posizioni in Ecosistema urbano,“fotografia ambientale” scattata annualmente da Legambiente in collaborazione con il Sole 24 Ore.

Secondo Legambiente Padova hanno contribuito le nuove politiche dell’Amministrazione in carica, ma per invertire la rotta oggi serve ancora più coraggio. Leggi di più

Assemblea il primo dicembre per discutere il futuro della Caserma Prandina

Sabato primo dicembre appuntamento alle ore 10 all’ingresso di via Orsini della Caserma Prandina, per un sopralluogo dell’area, e a seguire Assemblea Soci di Legambiente.

Discuteremo del futuro di un’area strategica per la città, ora di proprietà del Comune, con forti implicazioni a livello urbanistico e sulla mobilità. Leggi di più

Ciclabilità diffusa soluzione al problema dei ciclisti sotto i portici

Sulle strade serve rispetto da parte di tutti: da sempre siamo dell’avviso che i ciclisti non debbano sfrecciare sotto i portici e sui marciapiedi.

Per combattere questo fenomeno quello che serve è riconoscere la vocazione ciclopedonale del centro storico e consentire alle biciclette di percorrerlo in tutti i sensi di marcia. Leggi di più

Ancora Mal’aria, la Regione intervenga per dare aria al Veneto fuorilegge

SmogAria sempre più irrespirabile in Veneto, la situazione è sempre più cronica. Nel 2017 Belluno è l’unico capoluogo di provincia a salvarsi, tutti gli altri sono fuorilegge.

Mal’aria Veneto 2018 fa il punto sulla grave situazione dell’ inquinamento atmosferico regionale e sui risultati dell’Accordo Padano, presentando le 10 proposte di Legambiente Veneto che potete leggere qui.

Secondo il rapporto i livelli regionali di Pm10 sono alle stelle, Leggi di più

Green mobility racconta come migliorare la vita ripensando lo spazio urbano

tram padovaÈ uscito, a cura di Andrea Poggio di Legambiente, il volume Green Mobility. Come cambiare la città e la vita.

Per raccontare una nuova mobilità connessa e condivisa che è insieme innovazione tecnologica e cambiamento, degli stili di vita e dei modelli di fare impresa e che sarà al centro della sfida all’inquinamento delle città e ai cambiamenti climatici in atto. Leggi di più

Padova in una bolla di rumore e smog. Unica soluzione: limitare il traffico

inquinamento-acusticoNon ci sono solo Pm10, Pm2,5, Benzo (a) Pirene, Ozono e Biossido di azoto ad inquinare Padova oltre i limiti di legge. Anche l’inquinamento acustico supera in gran parte della città i limiti di legge stabiliti per proteggere la salute.

La causa principale è sempre la stessa: il traffico.

Recentemente il Comune di Padova, con la delibera del 30 gennaio 2018 ha approvato l’ultima relazione sullo stato acustico della città, realizzata insieme ad Arpav. Le conclusioni non lasciano margini a dubbi: Leggi di più

Fuori i diesel dalle città: è dura, ma si comincia con Italia e Germania

pexels-photo-248370Dal cosiddetto scandalo “Dieselgate sono passati quasi tre anni, ma le conseguenze nel dibattito pubblico sono ancora più sentite che mai.

Oltre alle ripercussioni strettamente legali, lo scandalo Volkswagen ha anche aperto una discussione sull’uso dei diesel nelle città, che è culminata lo scorso febbraio con la decisione della Corte Suprema tedesca di lasciare la libertà alle amministrazioni cittadine di poter bandire le auto a diesel dai centri urbani. Leggi di più

La città verde progettata da un italiano, nel cuore della Cina inquinata

city_forestÈ possibile pensare città moderne capaci di accogliere le necessità energetiche e di spazio della popolazione pur rimanendo in un contesto di risparmio energetico ed emissioni limitate?

Secondo un progetto italiano, guidato dall’architetto Stefano Boeri, è possibile.

Si tratta della creazione di un nuovo quartiere nell’insediamento urbano di Liuzhou, nella provincia di Guangxi Zhuang, in Cina. Leggi di più

Vantaggi economici e occupazionali: il piano energetico di Legambiente

energia_rinnovabileCome tutti gli Stati membri, anche l’Italia entro il 2018 dovrà presentare un piano nazionale clima-energia che riporti obbiettivi per il 2030 coerenti con quelli sulla decarbonizzazione previsti dall’Unione Europea. Al momento, il programma del Governo è contenuto nella Strategia energetica nazionale (SEN 2017).

Tuttavia, secondo un recente studio presentato da Legambiente al X Forum Qualenergia lo scorso novembre, le soglie e le politiche proposte dalla SEN 2017 potrebbero non essere sufficienti a raggiungere questi obiettivi per il 2030.

Leggi di più

Pendolaria 2017: uno sguardo preoccupato sul trasporto ferroviario veneto

pendolaria_2017Dal Rapporto Pendolaria 2017 di Legambiente emerge che una grossa mano per abbattere i livelli di inquinamento presenti nella nostra regione (80 mila morti premature all’anno in Italia localizzate prevalentemente nell’area padana secondo l’EEA) potrebbe essere data dall’implementazione del trasporto pubblico, e ferroviario in particolare.

Ma bisognerebbe che la Giunta regionale prevedesse di investire almeno l’1% del bilancio regionale nel trasporto ferroviario locale, che oggi arriva invece ad un misero 0,22%. Leggi di più

Gennaio soffocante. 1 giorno su 2 inquinato da PM10: è allerta rossa

smog_pm10_Padova_legambienteParte malissimo il primo mese del 2018, per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico a Padova. In gennaio sono stati totalizzati 21 giorni di superamento del limite di legge del Pm10 (50 microgrammi per metro cubo d’aria): abbiamo respirato aria avvelenata e fuorilegge più di un giorno su due.

Il numero di giorni di superamento del limite è stato identico a quello del gennaio 2017, l’anno più inquinato dell’ultimo decennio a Padova.

Con 102 giorni di sforamenti la nostra città ha raggiunto, lo scorso anno, il non ragguardevole primato di quarta città più inquinata d’Italia Leggi di più

Emergenza PM10: la provincia coordina e dispone, ma Selvazzano non aderisce

PM10_smogPadanaSi vedono spesso immagini raffiguranti la pianura padana osservata dallo spazio e velata da una perdurante “nebbia fuori stagione”. Cosa davvero respiriamo quotidianamente? 

La pianura padana, con le sue particolari condizioni meteoclimatiche, l’orografia del territorio, la scarsità di venti “ripulenti”, favorisce l’accumulo e la stagnazione di pericolosi inquinanti nell’aria e, in particolare, delle famigerate polveri sottili. Leggi di più

Via Dante: la tangenziale in centro città deve essere pedonalizzata

via Dante_traffico attraversamentoVent’anni a mostrare le stesse evidenze, a ribadire gli stessi argomenti: la pedonalizzazione di via Dante è urgente e possibile.

Non sono solo i residenti a invocarla a gran voce, anche le analisi dell’Arpav e del Comune stesso da tempo delineano una situazione preoccupante: migliaia di auto in transito ogni giorno senza alcuna limitazione; un limite di velocità di 30 km/h che non viene fatto rispettare in alcun modo; un conseguente inquinamento acustico e atmosferico irrisolvibile, vista la conformazione della via, se non escludendo totalmente il traffico veicolare. Leggi di più

PM10 già superati gli sforamenti del 2016. Servono interventi strutturali

smog_padova_traffico_legambienteA fine ottobre i giorni di sforamento del limite di legge del Pm10 (50 microgrammi per metro cubo d’aria) hanno raggiunto il numero complessivo registrato in tutto il 2016: 66. E con il 2 novembre, siamo a 67.

E’ assolutamente preoccupante che con due mesi di anticipo il 2017 abbia già registrato a Padova più  sforamenti del limite di legge giornaliero di quelli complessivamente totalizzati in tutto il 2016. Va ricordato che sempre per legge i giorni di superamento del limite giornaliero non posso essere più di 35. Leggi di più

Acciaierie Venete si trasferisce: è battaglia per la qualità dell’aria a Camin e Saonara

Acciaierie_venete_padovaAcciaierie Venete chiuderà il laminatoio di Mortise per trasferire la produzione in Corso Francia (zona industriale, a ridosso dei quartieri Camin e Granze), dove verrà costruito un nuovo impianto con forno da 40 MW, relativo camino e nuovo laminatoio.

Dal punto di vista produttivo, l’operazione porterà all’azienda padovana indubbi vantaggi logistici con abbattimento di costi. Ci sarà certo un miglioramento per l’ambiente cittadino non più attraversato dai camion fra la zona industriale e Mortise.

Ma cosa ne sarà della qualità dell’aria in zone già così penalizzate come Camin e Granze e a Saonara e Ponte San Nicolò che confinano con la zona industriale? Leggi di più