Feed on
Posts
Comments

imageVox populi vuole che i commercianti siano sempre e comunque a favore delle auto. E sicuramente esiste un fondo di verità in questo, visto che nonostante la situazione di pesantissima crisi economica diffusa e duratura, ciclicamente capita di sentire dire che la crisi del commercio non sia dovuta all’oltre 40% di disoccupazione giovanile, alla capacità di spesa o alla recessione che ormai dura da troppo tempo. No, secondo alcuni il problema del commercio sono le ciclabili e l’assenza di parcheggi nel raggio di 10 metri dalla propra attività.

Per fortuna non tutti la pensano così.

È il caso di Francesco Bagattin, gestore del bar Otto e Mezzo di Via Garibaldi. “Qualche anno fa la zona dove gestisco la mia attività si era un po’ perduta, specie per colpa della crisi – spiega il commerciante. Incontrai l’allora Sindaco Zanonato che promise un’intervento sulla via, volto ad allargare i marciapiedi e migliorare l’illuminazione, ma aspettai invano, perché nessun lavoro venne realizzato.

I problemi però rimanevano e recentemente ho riproposto la mia idea al Sindaco Bitonci, il quale ha fatto immediatamente partire i lavori di allargamento del marciapiede, in modo da creare una via semipedonalizzata” spiega  Francesco, contento della rapidità dell’intervento.

“Il problema di Via Garibaldi è sempre stato che si trattava di una via del centro, ma nella realtà era come se non lo fosse. Il Liston dista pochi metri, ma con la strada davanti ai nostri negozi sembrava che fosse distante chilometri.

Ora noi commercianti della zona siamo tutti contenti perché speriamo che con questa semipedonalizzazione i clienti ritornino: avere tanta gente che passeggia vicino ai negozi è un modo per contrastare la crisi, basta vedere quello che avviene nella vicina via San Fermo. Con la bella stagione poi possiamo pensare di mettere dei tavolini fuori, cosa impossibile ora.

Di certo la cosa importante è mantenere viva la città: Piazza Eremitani dopo la pedonalizzazione è vuota. C’è bisogno di continue iniziative, come ad esempio dei mercati di zona, che mantengano vive le zone pedonalizzate. Ripeto, iniziative in continuazione. Solo così si può pensare di riavvicinare la popolazione ai negozi”.

a cura di Andrea Ragona – Presidente Legambiente Padova

One Response to ““Con la pedonalizzazione città viva”, parola di commercianti”

  1. Paola scrive:

    Di sicuro non basta pedonalizzare, bisogna poi mantenere vive le zone!

Leave a Reply