Feed on
Posts
Comments

immagine UN'ALTRA DIFESA“Un’altra difesa è possibile”: questo il motto della Campagna per la Difesa civile, non armata e non violenta, sostenuta da diversi enti fra cui Associazione per la Pace, Donne in Nero, Legambiente, MIR  e molti altri.

La campagna è iniziata due mesi fa e si concluderà a fine maggio  2015,  con  la  raccolta  delle  50.000  firme  necessarie  alla presentazione  alla  Camera dei  Deputati del  progetto di Legge di iniziativa  popolare: “Istituzione e modalità di finanziamento del Dipartimento della Difesa civile, non armata e nonviolenta”.

Il primo appuntamento per la raccolta firme sarà sabato 14 febbraio presso i banchetti in Piazza delle Erbe dalle ore 10:00 alle ore 13:00 .

Obiettivo della Campagna è dare uno strumento in mano ai cittadini per far organizzare dallo Stato la difesa civile, non armata e nonviolenta – ossia la difesa della Costituzione e dei diritti civili e sociali che in essa sono affermati; la preparazione di mezzi e strumenti non armati di intervento nelle controversie internazionali; la difesa dell’integrità della vita, dei beni e dell’ambiente dai danni che derivano dalle calamità naturali, dal consumo di territorio e dalla cattiva gestione dei beni comuni – anziché finanziare cacciabombardieri, sommergibili, portaerei e missioni di guerra, che lasciano il Paese indifeso dalle vere minacce che lo colpiscono e lo rendono invece  minaccioso agli occhi del mondo.

Lo strumento politico della legge di iniziativa popolare vuole aprire un confronto pubblico per ridefinire i concetti di difesa, sicurezza, minaccia, dando centralità alla Costituzione che “ripudia la guerra” (art. 11), afferma la difesa dei diritti di cittadinanza ed affida ad ogni cittadino il “sacro dovere della difesa della patria” (art. 52).

Si tratta di dare finalmente concretezza a ciò che prefiguravano i Costituenti, con il ripudio della guerra, che già oggi è previsto dalla legge e confermato dalla Corte Costituzionale, cioè la realizzazione di una difesa civile alternativa alla difesa militare, finanziata direttamente dai cittadini attraverso l’opzione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi.

L’iniziativa è promossa da sei Reti nazionali che raggruppano oltre 200 associazioni della società civile italiana, del mondo del pacifismo, della nonviolenza, del disarmo, del servizio civile, della cultura, dell’assistenza,  dell’ambientalismo,  del  sindacalismo.

Nel concreto, la proposta di legge che i cittadini possono sottoscrivere vuole l’istituzione e il finanziamento del Dipartimento per la Difesa civile non armata e nonviolenta che comprenda i  Corpi civili di pace e l’Istituto di ricerche sulla Pace e il Disarmo e che abbia forme di interazione e collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile, il Dipartimento  dei  Vigili del Fuoco ed il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile  Nazionale.

 Gianna Benucci – Associazione per la Pace Padova

Leave a Reply