Feed on
Posts
Comments

Se ne parla da anni (cercate Nuova Romea con Google, troverete forum che discuto l’argomento già dal 2005), se ne promettono meraviglie, ma le critiche sono continue: sorgono comitati, si chiede la messa in sicurezza della Romea (quella vecchia), si avanzano dubbi sull’impatto ambientale in un territorio così caratteristico come quello del Delta del Po. La Orte-Mestre continua a far parlare di sé: è davvero necessaria un’altra autostrada che attraversi l’Italia da Nord a Sud?

Di fronte a questioni così controverse, la cosa migliore rimane far parlare i protagonisti: è quello che ha fatto Altreconomia, nella persona di Luca Martinelli, con un’inchiesta che ha seguito (a passo lento) il tragitto di questa fantomatica e famigerata nuova autostrada. Qui trovate la segnalazione di Salviamoilpaesaggio.it:  (c’è anche il link all’itinerario geolocalizzato).
Se, invece, volete andare direttamente al video dell’inchiesta, lo trovate qui. La prima cosa che colpisce è proprio il rumore: un significativo spaccato di quello che significa avere una strada a tiro d’orecchio (e volerle moltiplicare)…

Per approfondire ancora, ecco la pagina dedicata alla Orte-Mestre sul sito dell’ANAS; un articolo dei Verdi di Cesena per la Costituente Ecologista; la posizione dei Comitati Ambiente e Territorio della Riviera del Brenta; e un blog (Stop Orme) che documenta le varie fasi della protesta .
E se volete l’opinione del ministro Ciaccia, ecco una recente intervista rilasciata a MilanoFinanza.

Comunque la si pensi, la Orte-Mestre rimane un’ambizione di chi la propone, un progetto da sbloccare, o per dirla con Altreconomia, un “Casello Incantato”.

Annalisa Scarpa – Redazione di Ecopolis

Leave a Reply