Feed on
Posts
Comments

quest_cicl_bannerLa bici è molto spesso oggetto di dibattito pubblico: il problema dei furti, della sicurezza stradale, del miglioramento della ciclabilità e delle possibilità di parcheggio sono temi spesso presenti nella cronaca locale. Per avere un termometro sui principali aspetti critici e individuare proposte per migliorare la ciclabilità cittadina,La Mente Comune, Legambiente Padova e l’Associazione Studenti Universitari hanno creato un questionario al ciclista urbano, che raccoglie informazioni e suggerimenti da chi usa la bicicletta a Padova.

Il questionario ha riscosso da subito molto successo con più di 150 persone che lo hanno già compilato ad una sola settimana dalla sua pubblicazione, a dimostrazione che dare modo di esprimere le proprie esigenze in forma compiuta è il modo giusto di fare promozione sociale… nella speranza che raccogliendo le istanze di tanti, ci sia poi una risposta adeguata da parte di chi amministra la città.

Ecco i primi risultati:

1. Uso e cura della bici

Il tema della ciclabilità in città riscuote interesse nei padovani ma non solo, visto che il 30% delle risposte proviene da persone non residenti. Tendenzialmente si tratta di ciclisti più che abituali, con due terzi degli intervistati che utilizza la bici tutti i giorni, scarsamente interessato all’estetica del proprio mezzo e più attento invece alla sua funzionalità, anche se quasi la metà ammette di non avere le luci correttamente funzionanti.

2. Furti e acquisto

Netto il giudizio negativo sul rischio di furti della bici, con il 90% di risposte che giudica Padova una città non sicura per parcheggiare la bici e che rinuncia addirittura a fare denuncia di furto. Tra i luoghi dove è avvenuto il maggior numero di furti primeggia la zona della Stazione seguita a sorpresa dalla propria abitazione, mentre tra le soluzioni più utili per difendersi dai ladri sono  indicate le rastrelliere con aggancio al telaio, accompagnate ovviamente da un lucchetto molto resistente o addirittura più lucchetti.

3. Sicurezza e servizi

Solo un intervistato su tre ritiene Padova una città sicura per circolare in bicicletta e molti non esprimono un’opinione a riguardo ma sono in molti a credere che ci sia ancora molto da lavorare sulle piste ciclabili, realizzandole dove mancano o sistemando quelle già esistenti, sulle quali sono arrivate già una quarantina di indicazioni puntuali. Tra le soluzioni preferite per rendere la città a misura di bicicletta primeggia al momento la Ciclabilità Diffusa in centro storico, con la possibilità per le bici di circolare in entrambi i sensi di marcia anche nelle vie a senso unico del centro.

La raccolta dei questionari è appena iniziata e continuerà nelle prossime settimane via internet oppure presso le sedi delle associazioni proponenti, o ancora nei luoghi più frequentati dalle bici in città grazie all’impegno delle volontarie che lo sottoporranno ai ciclisti di passaggio (prossimi appuntamenti: lunedì 3 febbraio zona universitaria al Portello al mattino, e piazze del centro al pomeriggio; mercoledì 5 febbraio zona piazze in centro al pomeriggio/sera).

Clicca qui e compila anche tu il questionario.

Matteo Lenzi – La Mente Comune; Sandro Ginestri – Legambiente Padova; Marina Molinari – Associazione Studenti Universitari

2 Responses to “Questionario al ciclista urbano: boom di risposte”

  1. tatiana scrive:

    ma il progetto “adotta una ciclabile” che fine ha fatto? non mi sembra per nulla aggiornato.. lanciate cose nuove e le vecchie non sono complete

  2. Sandro scrive:

    Ciao Tatiana
    Questo “Questionario al ciclista urbano” nasce come termometro sulla percezione sull’uso della bici in città; non è in contrapposizione ad “Adotta una ciclabile”, un progetto più complesso, che speriamo di riuscire ad aggiornare con l’aiuto di nuovi volontari che si occupino del coordinamento.
    Ciao, Sandro

Leave a Reply