Feed on
Posts
Comments
SalviamoUna delegazione del Comitato “Sì SalviAMO la ciclopedonale Sografi-Voltabarozzo” ha incontrato all’inizio di dicembre 2013 il Direttore Esercizio Tram ing. Alberto Cavallini per capire l‘impatto del percorso del tram sulla ciclopedonale Sografi-Voltabarozzo.
Dalla visione della documentazione e dalle risposte date a voce è emersa una situazione molto preoccupante:
1) il passaggio del tram, previsto sopra l’attuale soletta pedonale, è fortemente impattante, per le dimensioni richieste (fra gli 8 e i 10 metri), per la posizione, e per l’infrastruttura stessa (piloni, elettrificazione, rotataie, ecc.);
2) è prevista una pista riservata a bici e pedoni di circa 3 metri di larghezza, da realizzarsi a lato del percorso tramviario;
3) in buona parte del percorso gli alberi saranno rimossi per le necessità dell’infrastruttura;
4) la documentazione del percorso non tiene conto delle modifiche intervenute a livello urbanistico dal 2003 (anno di realizzazione del progetto) ad oggi. In sostanza la documentazione ufficiale disponibile per il CIPE è ferma al 2003;
5) il progetto non è ancora né esecutivo, né definitivo;
6) la data di inizio lavori preannunciata alla stampa -luglio 2014- è funzionale all’ ottenimento di finanziamenti dal governo centrale. La data non riguarda il tratto in questione, ma forse il tratto Stazione-Fiera;
7) il percorso del tram SIR 1 si sviluppera’ lungo assi stradali, che saranno eventualmente chiusi alla circolazione privata.
Considerato quanto sopra, il Comitato “Sì SalviAMO la ciclopedonale Sografi-Voltabarozzo” ribadisce quanto segue:
- è evidente che il tram devasterà la passeggiata Bianchini D’Alberigo, il percorso in mezzo al verde, lungo tutta la ciclopedonale da Via Sografi a Voltabarozzo;
– c’è tutto il tempo e la possibilità di modificare il progetto del 2003, (a cura dello studio Net Engineering spa), individuando eventuali soluzioni alternative al percorso del tram, tutte tecnicamente possibili, alla luce degli esiti del SIR 1 ;
– la salvaguardia del percorso pedonale e ciclopedonale, dipende dalla volontà politica e quindi dalle scelte dei consiglieri comunali e dei partiti di riferimento, nonché dei candidati a Sindaco 2014.Il Comitato invita la cittadinanza a verificare sul posto la qualità attuale dell’area. Un tempo era zona di mera viabilità, per il trenino (la Veneta) il cui tracciato passava allora in mezzo alla campagna. Oggi, a seguito delle trasformazioni che la forte urbanizzazione della zona ha comportato, rappresenta un polmone, un cuneo di verde a misura di persone, raccordo fra il centro città e la periferia, libero luogo di incontro, svago, relax, nonchè occasione di mobilità sostenibile, a piedi o in bici.

Comitato “Sì SalviAMO la ciclopedonale Sografi-Voltabarozzo”

One Response to “Ciclopedonale Sografi-Voltabarozzo: devastata”

  1. spartaco vitiello scrive:

    perchè si sviluppi un progetto condiviso sul trasporto pubblico è fondamentale che i dati sui bisogni di mobilità siano ben conosciuti da tutti. C’è scritto da qualche parte su quali premesse si basa questo progetto ?

Leave a Reply