Feed on
Posts
Comments

ggDopo  una lunga tappa di trasferimento in auto dalla Spagna all’Italia, attraverso la Francia, pernottiamo  a Ventimiglia,  sulla costa ligure, prima dell’ultimo balzo verso casa. Alla sera ci incantiamo nel lungomare, ci facciamo fregare nel solito ristorantino di pesce a prezzo fisso, e sgomenti osserviamo il carosello delle auto e lo struscio serale, che rende questa bella cittadina un brodo umano.

Ci  viene in mano non so come un pieghevole sui “Giardini Hanbury”,  e decidiamo di visitarli il giorno dopo. Arriviamo di mattina presto, e scopriamo che non c’è parcheggio…abbandono l’auto sul ciglio della strada, meditando di rinunciare alla visita,  e ci incamminiamo sotto il sole cocente, schivati a malapena da macchine e moto.

Per fortuna che non abbiamo rinunciato! Da più di cento  metri di altezza sul livello del mare, questo splendido giardino botanico di quasi venti ettari, di cui nove visitabili, creato da Sir Hanbury a partire dal 1867 ed ora appartenente all’Università di Genova, scende  dolcemente fino al mare. Il verde e il blu  dell’ acqua che si infrange sugli scogli si può vedere  dalle aperture nella mura di recinzione del parco. Durante la visita, guidati da un agile libretto consegnatoci all’ingresso (ingresso bassa stagione solo 7,5 euro) abbiamo ammirato collezioni di  piante e fiori provenienti da tutte le parti del mondo: piante grasse, piante velenose , cipressi messicani,  mille varietà di salvia…una sorpresa è stato vedere i resti di un tratto della strada romana Via Julia Augustea,  che percorre un bel tratto di giardino. Il giardino, che è anche un centro di ricerche dell’Università,  è ben curato, con fontane, statue e…panchine dappertutto, ricco di tantissime varietà, molte piante rare o in via di estinzione,  ed ha anche un percorso attrezzato per disabili non vedenti o in carrozzina. La villa all’interno del parco è bellissima, e a breve diventerà un museo. La vista sulla costa ligure è spettacolare, e tutta questa bellezza incanta e ripaga delle fatiche di un lungo viaggio.

Il libretto dice che per la visita basta un’ora e mezza, ma ci siam rimasti dentro quasi quattro ore, e non ce ne siamo neanche accorti…

Centro Universitario di Servizi Giardini Botanici Hanbury. Località La Mortola. Corso Montecarlo, 43 18039 Ventimiglia (IM).

Visita il sito qui

Foto di proprietà   © Giardini Botanici Hanbury 2010

Stefano Pagnin, circolo Wigwam IL PRESIDIO

Leave a Reply