Feed on
Posts
Comments

Hands Water Tap Washing Dishes Sink ForkSta arrivando una lettera da parte di AcegasApsAmga con la quale l’utente viene invitato a comunicare il numero di componenti del nucleo familiare, ai fini del calcolo della nuova tariffa pro capite, per il solo consumo di acqua. Tale calcolo è da intendersi retroattivo al 01/01/2018.

Attualmente la tariffa del solo consumo di acqua viene calcolata per una famiglia media di tre componenti. La fornitura di acqua a tariffa agevolata di cui ogni componente ha diritto è pari a 24 metri cubi di acqua all’anno ovvero 72 mc/anno complessivi per nucleo famigliare così considerato.

Se la famiglia è composta da sole due persone la quota di acqua a tariffa agevolata scende a 48 mc/anno. Si calcola che il consumo annuo medio di due persone è di circa 110 mc ed è chiaro, pertanto, che venga sforata la tariffa più economica costringendo l’utenza a passare alle fasce tariffarie più alte. A maggior ragione ciò avviene se il nucleo famigliare risulta composto da un single. In sostanza, in entrambi questi ultimi casi, non conviene, a nostro giudizio, inviare il modulo scaricabile dal sito di AcegasApsAmga.

Abbiamo calcolato che la famiglia composta da una persona sola paga un consumo di acqua pari a circa 10 euro in più l’anno e una famiglia di due persone circa il doppio.

Al contrario, se la famiglia risulta composta da tre o più componenti, ai quali andrebbero così aggiunti per ognuno i 24 mc/anno con tariffa agevolata, potrebbe risultare conveniente l’invio, quanto prima possibile, del modulo suddetto.

Alla fine, risulta piuttosto evidente che il mancato introito, proveniente dai nuclei famigliari numerosi che userebbero la tariffazione più bassa, verrebbe ad essere compensato dal ricarico tariffario addossato a quelli composti da meno di tre componenti.

A fronte di ciò sconsigliamo, quindi, l’invio del modulo alle famiglie fino a due componenti perché la nostra delibera di iniziativa popolare, approvata dal Consiglio Comunale il 28 gennaio scorso, stabilisce che:

1. la nuova tariffa pro capite non deve comportare aumenti per i nuclei famigliari sotto i tre componenti in quanto la differenza può essere recuperata diminuendo l’utile del gestore e non facendola gravare sui nuclei meno numerosi

2. la tariffa pro capite venga applicata non solo per il consumo di acqua, ma anche per fognatura e depurazione, cioè per tutto il ciclo idrico integrato.

La delibera è stata approvata, ora occorre farla applicare ed è per questo che ci stiamo muovendo.

Alla prossima assemblea del Consiglio di Bacino Bacchiglione la nostra delibera verrà distribuita a tutti i sindaci e sostenuta dall’Assessore Micalizzi a nome del consiglio comunale di Padova che l’ha approvata e resa esecutiva. In questa assemblea parteciperà anche il comitato 2SI Acqua Bene Comune per poi trattare e concordare l’attuazione pratica con il gestore.

Per il momento quindi l’indicazione rimane quella di: non rispondere ad AcegasApsAmga per le famiglie con meno di tre componenti e, al contrario, di farlo per quelle che hanno più di tre componenti.

Comitato 2sì Acqua Bene Comune Padova

Leave a Reply