Feed on
Posts
Comments

Villa Draghi 1714La nuova stagione di eventi a Villa Draghi può finalmente ripartire. Non senza qualche iniziale difficoltà, ma tutto è bene quel che finisce bene.

La riduzione del numero di volontari dell’Associazione Villa Draghi è stata fortunatamente compensata dall’innesto a sorpresa di “forze fresche”, in primis i volontari di Legambiente Selvazzano. Ciò ha permesso di redigere un nuovo programma stagionale, tale da poter partecipare all’avviso pubblico per la gestione e valorizzazione della Villa, indetto dall’Amministrazione Comunale di Montegrotto e presentato il 3 aprile.

Indispensabile è stata, per l’Associazione Villa Draghi, non in possesso del necessario requisito d’iscrizione all’albo regionale, l’adesione dell’Arci quale capofila in soccorso delle oltre venticinque realtà coinvolte nel comune progetto. Ora, a vittoria conseguita, si potrà dare corso al nutrito programma previsto e che verrà diffuso nell’imminente.

L’inaugurazione ufficiale della stagione Estate a Villa Draghi 2018, si terrà il 29 aprile alla presenza del Sindaco, del Presidente dell’Associazione Villa Draghi e del Presidente ARCI Padova.

E proprio per tale importante occasione, domenica 15 aprile è stato effettuato un intervento di ripristino del sentiero che conduce ai lacerti di murapresenti nel bosco sottostante la villa. Nei giorni precedenti un primo taglio boschivo era stato effettuato da professionisti mentre, alla domenica, volontari di Legambiente Selvazzano egregiamente coadiuvati da una quindicina di giovani scout hanno effettuato l’asporto del fogliame rampicante, la pulizia del terreno presso le mura, la rimozione della vegetazione infestante l’area e la ricollocazione dei tronchi disordinatamente abbandonati al suolo.

Grazie all’apporto decisamente competente degli scout, provenienti dai gruppi Agesci di Padova 7 (Antonianum), Padova 10 (Tencarola) e Abano 1, che in poche ore mattutine è stato possibile allestire un visibile sentiero, quanto mai agevole, a coloro che fossero interessati ad avvicinarsi al luogo dell’antica Stua in completa sicurezza.

La cosiddetta antica Stua è una porzione di mura esposta, parzialmente visibile e alta tre metri, già citata come parte del Belvedere da Claudio Grandis nella sua ricerca storica inerente Villa Draghi intitolata: Frammenti di storia: dal 1600 ai giorni nostri.

In essa è riportata un’incisione del 1714, rappresentante un edificio, avente tutte le caratteristiche di un possibile Calidarium, con la didascalia: “aque bolienti naturali”. A fianco, la firma dell’autore Delfenbach. È un rivoluzionario cambio di prospettiva il considerare tale edificio circolare un antico ed effettivo luogo termale, la stampa sembrerebbe suggerire e lasciare pochi dubbi a riguardo.

La stagione di Villa Draghi aprirà quindi le porte della residenza ogni domenica, dal 29 aprile fino al mese di ottobre compreso. Ma gli eventi non saranno previsti solo di domenica: ce ne saranno anche di sabato o in altri giorni della settimana… Le Associazioni coinvolte diffonderanno presto il programma completo e la brochure ufficiale.

Legambiente Selvazzano, attraverso i propri volontari, ha voluto fortemente aderire a questa collaborazione, anche attraverso la semplice vigilanza dell’area e accoglienza del visitatore. Siamo convinti che il luogo vada indubbiamente valorizzato e portato a godimento del territorio.  

Per contribuire ulteriormente, il circolo allestirà una serie di propri eventi nel corso dei mesi estivi: concerti, proiezione di un film all’aperto ma, soprattutto, una serie di suggestivi appuntamenti di osservazione guidata al cielo stellato estivo. Una maniera bella per trascorrere liete serate rilassanti e riflessive in compagnia, immersi in una location davvero incantevole, ad oggi ancora non pienamente considerata come merita.

Flavio Boscatto – Legambiente Selvazzano

 

Leave a Reply