Feed on
Posts
Comments

DuomoÈ dedicato al  Duomo, o meglio alla Cattedrale di Padova, il corso  a carattere storico-artistico proposto dal Circolo CTG  Arcobaleno a tutti i cittadini, e in particolar modo agli insegnanti delle scuole padovane.

Tra aprile e maggio, sette conferenze tenute da alcuni docenti dell’Università di Padova e del Seminario, nelle sedi indicate nel programma (palazzo del Monte della Pietà e Centro Giovanile don Bosco, in zona Paltana), racconteranno le vicende che hanno portato all’edificazione della chiesa e ne illustreranno le opere d’arte.

Il corso “La Cattedrale di S. Maria Assunta in Padova”, partito ieri a Padova, è stato realizzato con il patrocinio dell’Assessore alla Cultura Andrea Colasio, in collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e del Centro Giovanile Salesiano di Padova. La partecipazione é libera e gratuita. Parte dei posti disponibili è riservata a insegnanti.

Dopo l’incontro iniziale di taglio storico dedicato all’arrivo del Cristianesimo a Patavium e ai primi vescovi patavini, giovedì 19 aprile a palazzo del Monte della Pietà, dalle 17.15 in poi,  la professoressa Alejandra Chavarria Arnau spiegherà come si è sviluppato il complesso di edifici paleocristiani e poi tardo medievali  costituiti da Cattedrale-Battistero. I successivi interventi riguarderanno gli affreschi del Battistero di S. Giovanni, autentico scrigno di pittura trecentesca il cui autore, Giusto de’ Menabuoi, si colloca ai primi posti nella schiera dei pittori post-giotteschi.  

L’ultima parte del corso è incentrata sull’edificazione della Cattedrale rinascimentale e sull’arredo pittorico e scultoreo del transetto e delle cappelle. Voluta dal vescovo cardinale Francesco Pisani, la chiesa ebbe un lungo cantiere iniziato nel 1547 e terminato nel 1765 con l’intervento di numerosi architetti – Andrea da Valle, Michelangelo, Agostino Righetti, Giulio Viola Zanini, Andrea Almerigo, Paolo e Francesco Tentori, Gian Battista Novello – che nel corso di due secoli si sono alternati nella progettazione e nella revisione del primitivo progetto.  

La maggior parte delle cappelle situate nelle due navate laterali sono invece di gusto barocco. Tra la prima metà del XVII secolo e il XVIII secolo molti artisti vi lavorarono per abbellire tali cappelle con altari di marmo, paliotti in commesso di pietre dure, statue, quadri, opere di ebanisteria. Oltre alle opere d’arte, la Cattedrale conserva le spoglie di due testimoni della fede cristiana: il corpo di San Daniele, martirizzato nel 304 e qui presente nella cripta a partire dal 1075, e quello di San Gregorio Barbarigo, vescovo di Padova dal 1664 al 1697, anno della sua morte.

A completamento del corso sono stati programmati i seguenti tre itinerari guidati:  per il 4 maggio, “Piazza Duomo e l’architettura della Cattedrale”, per il 11 maggio  “Gli affreschi di Giusto de’ Menabuoi al Battistero” e, infine, per il 18 maggio “La Cripta, la Sagrestia dei Canonici, le sculture di Giuliano Vangi”. Durante il corso saranno date informazioni più precise a riguardo.

Ecco alcune note tecniche utili per chiunque desideri partecipare. Le conferenze di aprile si svolgeranno presso la sala convegni del Palazzo del Monte di Pietà, in Piazza Duomo alle ore 17.15. L’accesso alla sala sarà consentito a partire dalle ore 17. A fine corso sarà rilasciato un attestato di frequenza a coloro che ne faranno richiesta al momento dell’adesione.

Le conferenze di maggio si terranno alle ore 17.15 presso la sala del Centro Giovanile Don Bosco di Via Adria 2, in zona Paltana . Sarà possibile usufruire di ampi spazi per il parcheggio. Poiché l’aula è dotata di 90 posti, si richiede la prenotazione preventiva telefonando al 340 0884333 nei giorni di martedì, mercoledì, venerdì dal 27 Marzo al 10 Aprile con orario 10-12 o al martedì presso la sede del Circolo in via Adria 2 (ore 17-18).

Si ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per la concessione della sala convegni di Palazzo del Monte di Pietà.

CTG Arcobaleno – a cura di Silvia Rampazzo, redazione ecopolis

 

Leave a Reply