Feed on
Posts
Comments

caregiver di comunitàPadova, Camposampiero, Cittadella e Monselice dal 7 novembre potranno favorire gratuitamente di un nuovo corso di formazione orientato alla preparazione di nuovi caregiver di comunità.

Si tratta di un’iniziativa promossa dal Centro Servizi Volontariato di Padova, che mira a formare nuovi profili in grado di ricoprire il ruolo di “guida informale della comunità” a partire dall’inserimento in essa ed alla sua partecipazione.

Il corso si compone di sei incontri con l’obiettivo di maturare il proprio profilo di mediatore tra i professionisti e la collettività, a partire da competenze fornite dai tecnici del settore e le reali necessità e sollecitazioni di singoli e gruppi familiari.

Il corso di formazione si pone a sostegno e sviluppo della “Community care”, un moderno orientamento delle politiche sociali attento alla valorizzazione e all’assegnazione di priorità ad una modalità assistenziale che prevede la cooperazione della collettività e dei professionisti per permettere la permanenza dell’utente nella sua comunità di appartenenza.

La Community care è un programma che intende creare dei profili intermedi ridistribuendo le competenze di cura e lasciando spazio d’azione e iniziativa spontanea alla collettività, al mondo del volontariato e delle famiglie. Il percorso procede quindi in direzione della formazione di una rete di attori formali e informali, pur rimanendo statale nelle sue linee progettuali e nella gestione economica.

La sfera d’azione dell’orientamento della Community care si colloca tra lo Stato e società, valorizzando le istanze e gli stimoli in grado di influire positivamente sulla collettività, che emergono direttamente da essa. Lo spunto più proprio di questa proposta consiste quindi nel sollecitare la coesione e la comunicazione comunitaria in vista di una partecipazione locale nell’impegno sociale e socio-assisenziale. La protagonista in questa prospettiva diventa perciò la società civile, resa competente, consapevole e, necessariamente, comunicativa.

È all’interno di questo progetto che nasce il caregiver, una figura sociale che si inserisce nell’ambito dell’integrazione associativa avendo una funzione di collegamento tra le risorse locali e gli utenti: un profilo utile per agire in favore di assistiti appartenenti al proprio territorio di provenienza e anche come supporto per gli operatori sociali.

Il care giver agisce quindi in favore della collettività per garantirle un contatto consapevole con il settore pubblico e mettere a disposizione le proprie abilità in ambito socio-sanitario. L’obiettivo del corso del CSV è quindi quello di rendere i volontari consapevoli dei ruoli e delle dinamiche relazionali utili alla collaborazione, l’organizzazione e la gestione dei servizi tra il privato ed il pubblico e di porsi come riferimento reale per la cura e lo sviluppo delle comunità a partire dalle singole persone e dalle famiglie. Dopo gli incontri del CSV il caregiver potrà quindi operare come agente sociale informale in favore della propria comunità, ponendosi in suo ascolto e creando così una sinergia con essa.

Il corso è rivolto al personale socio sanitario (infermiere, fisioterapista, medico, psicologo, ass. sociale, MMG, PLS, amministrativi) ma anche a volontari di associazioni, assistenti sociali comunali, futuri volontari del territorio, per un massimo di 25 iscritti per evento. Per i partecipanti al corso è prevista l’assegnazione di punti ECM per i professionisti in ambito sanitario. Per informazioni ed iscrizioni è necessario inviare un’email a sportelli@comunitachecura.it.

sintesi a cura di Wilma Pilati, redazione di ecopolis

Leave a Reply