Feed on
Posts
Comments

brenta_EscavazioniLa Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.) autorizza il prelievo di 500 l/s in aggiunta agli 800 già sfruttati da anni da Etra: solo in futuro, se verrà ricaricata la falda, si potrà arrivare a 1750 l/s.

Già i 4 pozzi Etra ed i 4 nuovi costruiti in sponda del bacino possono prelevare il quantitativo di 1750 l/s, perché quindi si è deciso di sprecare 5 milioni di euro per farne altri 5 a sud sulla parte di terreno occupata dalle acque del Brenta, ossia in alveo?

Dopo i tre Esposti alla Regione, le tra Richieste alla regione, le 8.000 firme della Petizione, la“Marcia dei 2.000” del 7 maggio 2016, noi – i Gruppo Ambiente Carmignano, il Comitato giù le mani dal Brenta ed il Comitato Brentana Guardianasiamo – siamo stati in audizione al Ministero Ambiente a fine settembre e poi presso L’Autorità di Bacino a Venezia nel novembre 2016. La nostra azione ha concorso ad evitare l’escavazione nel fiume per il recupero di materiale per la protezione dei pozzi (4 Etra e altri 5 Nuovi a Sud) e ha portato ad un Decreto Regionale che prescriveva già nel 2004 lo spostamento fuori alveo dei pozzi Etra perché in zona a rischio idraulico – che, però, non ha mai avuto luogo –.

Nonostante in settembre sia stata prodotta una Delibera di A.T.O. del 2011 che dichiarava l’assoluta inidoneità della collocazione in alveo dei cinque nuovi pozzi a sud ed il relativo spreco di 5 milioni di euro, la Regione ha sempre argomentato, spudoratamente, che i pozzi non erano in alveo.

La prima causa del Comune di Carmignano di Brenta è stata chiusa nel dicembre 2016 per cessata materia del contendere. Veneto Acque/Regione, infatti, ha dichiarato di non prelevare il materiale per“protezione pozzi “ dal fiume, ma da fuori. L’azione dei migliaia di cittadini, quindi, ha concorso a far desistere dalla devastazione del fiume.

I Comitati (dei Comuni di Carmignano, Fontaniva e Pozzoleone), poi, hanno aperto una nuova causa hanno denunciato al Ministero dell’Ambiente e all’Autorità di Bacino la mancanza dell’Autorizzazione dell’Autorità di Bacino per la realizzazione del Progetto/Opere, un permesso necessario per Legge. Purtroppo la tattica dei rinvii consentirà di completare i lavori compresi i 5 pozzi a sud. E questo in contrasto con norme della stessa Regione e con spreco di denaro!

A queste circostanze ingiuste e paradossali si aggiungono anche altre questioni: perché non vengono date le verifiche del monitoraggio della falda, contrariamente alle direttive dell’Autorità di Bacino?

Perché non vengono consegnate le relazioni della Commissione Tecnica previste dall’Accordo di Programma e non si parla di un suo rinnovo prima della sua scadenza (2017)? Perché la ricarica della falda a nord – delegata al Progetto Democrito – non viene finanziato dalla Regione? La Magistratura non dovrebbe intervenire per le violazioni e le omissioni, dato che l’Accordo di Programma è un contratto a tutti gli effetti per i firmatari?

Noi Comitati, oltre a ciò, siamo preoccupati per un’ennesima notizia inquietante data dal Dirigente del Dipartimento Tutela Ambiente della Regione il 20 marzo a Cittadella: l’inquinamento da cromo in sin. Brenta Tezze-Fontaniva ed i conseguenti prelievi dalla falda di Carmignano/Camazzole, che serviranno anche le zone del vicentino-veronese. Come si può pensare che le falde di Camazzole possano servire la maggior parte del Veneto? Non è il caso di investire massicciamente nella bonifica delle aree inquinate, nei Controlli e nella Prevenzione di tutte quelle Patologie gravi che affliggono oggi tanti cittadini?

E ancora non abbiamo finito. Un altro progetto, riguardante la sponda Casoni-S.Croce, prevede nuove escavazioni nell’alveo del Brenta. Di fronte al silenzio dei Comuni, noi Comitati abbiamo deciso di intervenire, e abbiamo ottenuto tre risposte. La prima, deludente, consiste proviene dalla Regione, la quale, in modo pilatesco, ci ha detto che quando verrà presentato il Progetto definitivo sarà possibile presentare le Osservazioni in sede di V.I.A. Il secondo si riferisce a quanto affermato dall’Autorità di Bacino e cioè “ la necessità di osservare e mantenere l’attuale equilibrio plano-altimetrico e morfo-dinamico dell’ambito fluviale ….”,“tutto ciò in funzione della garanzia di un corretto scambio tra fiume e falda evitando che il corso d’acqua accentui il suo carattere drenante (e non disperdente) per possibili erronee modifiche morfologiche”. La terza, infine, riguarda gli altri 7 Progetti d’intervento a compensazione (scavo in alveo) e il loro passaggio in secondo piano.

Visti i precedenti e considerato l’atteggiamento degli amministratori regionali nel corso dei vari incontri pubblici è opportuno non abbassare la guardia e continuare a monitorare attentamente ogni atto pubblico che possa riguardare il Brenta.

Gruppo Ambiente Carmignano e  Comitato giù le mani dal Brenta

Leave a Reply