L’Associazione Progetto Portello scrive ai candidati sindaci

La porta del PortelloL’Associazione Culturale Progetto Portello, nella consapevolezza che, pur essendo apartitica, la realizzazione dei propri obiettivi è connessa alle scelte dell’Amministrazione Comunale, si rivolge ai candidati sindaci con una lettera aperta (qui l’originale), per evidenziare problemi e mancanze del nostro quartiere.

Il Portello risente, innanzitutto, della soppressione di varie linee di trasporto pubblico attive fino a qualche anno fa, unita all’eliminazione della postazione di biciclette a nolo di Via Marzolo. Sono poi assolutamente insoddisfacenti la pulizia delle vie e dei portici come la cura di cassonetti per la raccolta differenziata e la sistemazione dei contenitori per la raccolta dei rifiuti. Infine, la realizzazione dell’area pedonale antistante Porta Ognissanti, non ancora completata, si è arrestata negli ultimi due anni: si tratta di una piazza non solo da completare ma da arricchire con panchine, fioriere, cestini, rastrelliere per biciclette e un collegamento wifi.

Già il poco spazio ad oggi liberato ha evidenziato l’opportunità dei lavori e l’interesse per la piazza. Dal marzo 2015 vi sono stati infatti organizzati molti eventi: una grande festa, Tutti insieme a giocare, per bambine e bambini, mostre di pittura estemporanee, concerti dal vivo, La notte dei brevetti dell’Università di Padova, Vetrine d’auguri, mercatini del libro e di prodotti artigianali. Tante però le difficoltà riscontrate dalla nostra associazione per mettere in sicurezza gli eventi su cui si è sempre attivata: mancano infatti le opere di arredo urbano per impedire l’accesso o la sosta di auto non autorizzate, come sono assenti tanto la segnaletica per garantire la sicura convivenza di pedoni e ciclisti quanto gli allacciamenti per fornire l’energia elettrica necessaria gli eventi.

Indispensabile poi un’attenzione alle politiche abitative, in particolare tale da favorire l’inserimento di giovani coppie come auspichiamo avvenga nel caso del completamento delle case ATER nel cosiddetto “quadrato”. L’Associazione ha avviato e offre un servizio di consulenza e supporto per l’assistenza sociale, fiscale e legale agli abitanti del borgo: un servizio che ha sempre portato avanti in stretta collaborazione con l’Assessorato competente da cui ha annualmente ricevuto un contributo per spese di gestione e che chiediamo alla prossima giunta di continuare a sostenere.

Infine, riteniamo importante per il quartiere attivare un mercato settimanale di prodotti agro-alimentari, impegnarsi nel completamento della sistemazione della rete fognaria e mantenere il monitoraggio da parte delle forze dell’ordine.

L’Associazione Progetto Portello chiede ai Candidati Sindaco di inserire nel proprio programma le soluzioni ai problemi esposti in questa lettera e di impegnarsi rapidamente a realizzarle. Il Direttivo dell’Associazione assicura l’impegno a collaborare con la nuova Amministrazione per la realizzazione di tali richieste, ricoprendo un ruolo di mediazione, comunicazione e collegamento tra Amministrazione Comunale e cittadinanza. L’obiettivo è di migliorare la qualità del quartiere attraverso l’organizzazione di eventi, permanenti o temporanei, che aumentino la coesione sociale e la fruibilità del Portello per residenti, studenti e il resto della città.

Il Direttivo Associazione Progetto Portello