Tra promesse e realtà. Bitonci in 2 anni dimentica l’ambiente

Bitonci_promesse_stop_consumo_suoloQuando nel 2014 Massimo Bitonci venne eletto Sindaco a tutti fu chiaro che la sua carta vincente fu quella della questione sicurezza.

Eppure questo, non può essere sufficiente a spiegare il largo vantaggio con cui l’attuale Sindaco riusci a battere al ballottaggio Ivo Rossi. Al di là degli errori commessi dal centrosinistra, Bitonci è riuscito a recuperare voti anche su temi non propriamente a lui affini.

Prima di tutto fece breccia sulla questione dell’ospedale rispetto al quale la promessa di rinuncia all’ospedale a Padova Ovest per optare al “nuovo su vecchio” era stata netta, salvo poi optare per un nuovo ospedale a Padova Est.

Ma le promesse non si limitavano a questo: per quanto riguarda l‘urbanistica il programma di Bitonci recitava «Un nuovo piano di urbanistica partecipata». Che si concretizzava in «un nuovo Pat elaborato in base a dati demografici aggiornati, che tenga conto delle necessità di salvaguardare le aree naturali e agricole». Sempre il programma della giunta prometteva il «recupero di edifici già esistenti e dismessi».

Anche per il quanto riguarda le edificazioni nel cuneo verde dell’Iris si prevedeva uno stop che poi non è stato attuato.

Ovviamente sul trasporto pubblico ci si aspettava qualcosa di diverso: fusione prima criticata e poi attuata a parte, rimane il tema del filobus, che doveva essere l’alternativa al tram. Senza giudicare la bontà o meno di questa scelta (che non ci ha mai convinto) a quasi due anni e mezzo di mandato l’unica cosa che ci rimane è la rinuncia al finanziamento per la seconda linea del tram, mentre il filobus è poco più di uno slogan di cui non si conoscono percorsi, tempistiche e modalità di realizzazione.

L’impressione è quindi che al di là della sicurezza, Bitonci sia stato votato anche per tante altre promesse, che spesso – ma non solo – erano attinenti al tema dell’ambiente.

Per quel che ci riguarda quindi, Legambiente, insieme al Mattino di Padova, è andata a ripescarsi il programma elettorale di Massimo Bitonci e analizzare, con l’aiuto anche di altre associazioni, comitati ed esperti, cosa è stato realizzato e cosa invece è ancora in alto mare, quando si intravede la boa di metà mandato.

La rubrica è stata intitolata Fra promesse e Realtà. Ogni uscita ha trattato un tema specifico: trasporto pubblico, urbanistica, ciclabilità e verde urbano.

In questo ecopolis trovate le versione lunghe dei 4 contributi (pubblicati ridotti per evidenti ragioni di spazio ed impaginazione di un quotidiano).

In aggiunta due ulteriori approfondimenti: uno sull’agricoltura urbana. A fronte dei silenzi e degli atti contraddittori della Giunta, poche settimane fa nasce l’associazione “Per il Parco Agropaesaggistico”, con l’obiettivo di farlo sorgere dal basso. E un approfondimento sul progetto nuovo stadio Plebiscito (qui è dato di cronaca, visto il sit in di sabato pomeriggio). Buona lettura

Andrea Ragona, Presidente Legambiente Padova