Feed on
Posts
Comments

guariento_padova_affreschiForse non tutti i padovani sanno che dal luglio del 2014 è in corso l’iter per candidare la loro città ed in particolare i suoi affreschi del ‘300 a patrimonio dell’Unesco.

Questo progetto ha coinvolto molte realtà cittadine: Università, Diocesi, Comune, Musei, Accademia Galileiana e, non poteva mancare, Salvalarte, la sezione di Legambiente impegnata a tutelare il patrimonio artistico e culturale del nostro territorio affinché sia conosciuto e fruito dai cittadini e sia oggetto, laddove necessario, di vere e proprio azioni di recupero rispetto ad una situazione di degrado se non addirittura di abbandono.

Ed è proprio l’obbiettivo della fruizione da parte del pubblico che ha spinto l’associazione ad impegnarsi in un’attività di apertura di siti artistici che altrimenti rimarrebbero chiusi.

Uno dei principali è la Loggia dei Carraresi al cui interno è situata la Sala Guariento, prezioso luogo affrescato dal pittore padovano del quattordicesimo secolo.

Per rafforzare il percorso di promozione a “Città dell’affresco” Salvalarte con il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e con la collaborazione dell’Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti di Padova ha organizzato una serie di incontri sui cicli pittorici del Trecento aperti ai volontari e a tutti i cittadini interessati dal titolo appunto “Padova città dell’affresco”

L’obiettivo del corso è quello di intraprendere un percorso di conoscenza degli affreschi trecenteschi nei siti più significativi della nostra città: il complesso della Reggia Carrarese, le cappelle del Santo, l’Oratorio di San Giorgio, la Cappella della Carità di Girolamo del Santo nella chiesa di San Francesco Grande, la cappella maggiore di Guariento, la Cappella Ovetari e la Scuola della Carità. Non sarà solo il Trecento però, si scopriranno anche i cicli degli altri secoli che sono custoditi negli stessi luoghi interessati dalle visite.

Non saranno, però, solo visite d’arte. Oltre al circuito sopra menzionato sarà attivato anche un secondo momento di formazione per volontari e cittadini interessati con la Protezione Civile, Nucleo Beni Culturali del Comune di Padova.

Saranno organizzate delle esercitazioni nei monumenti custoditi da Salvalarte che insegneranno ai volontari come gestire i gruppi di visitatori e, in caso di problemi, riuscire a garantire la sicurezza delle persone e dei beni artistici e a tutti i cittadini che parteciperanno le norme di comportamento adeguate da adottare durante una visita.

Il corso si aprirà lunedì 14 marzo ore 18.00, sala dell’Accademia Galileiana – via Accademia 7 con la conferenza di apertura “Padova tra i siti UNESCO” per capire il ruolo internazionale dell’UNESCO e cosa significherebbe per Padova il riconoscimento richiesto. Interverrà tra gli altri Matteo Cavatton, assessore alla Cultura del Comune di Padova.

Il ciclo entrerà nel vivoper 5 sabati alle 15.30 a partire dal 19 marzo alle ore 15,30 con la visita agli affreschi della Reggia Carrarese, in particolari quelli della “Sala del Guariento e il Battistero di Giusto de’ Menabuoi(qui programma completo).

Per partecipare scrivete a salvalarte@legambientepadova.it o telefonate al 049.8561212. Termine delle iscrizioni 10 marzo. Il costi contenuti: 15 euro per tutto il ciclo; per i soci Legambiente e giovani (fino a 24 anni): 5 euro. Per una singola visita contributo di 5 euro.

Infine dal 30 aprile sarà attivata l’ulteriore attività di formazione con la Protezione Civile incentrata sulle modalità di comportamento

 Tiziana Mazzucato, responsabile Salvalarte Legambiente Padova

3 Responses to “Siamo la città dell’affresco. L’Unesco ci riconoscerà il titolo?”

  1. Francesco ha detto:

    Apprezzo molto, soprattutto il fatto che gli affreschi vengano presi in considerazione da chi si occupa di Ambiente.
    Lo facciamo da tre anni, nel nostro piccolo, ad Argenta (FE) e potete vederlo nel sito http://www.stopconsumoterritorioargenta.com (paesaggio storico).
    Francesco Pertegato

  2. Giorgio Andrian ha detto:

    Salve! e complimenti per l’attenzione al percorso di candidatura UNESCO dei cicli tecenteschi di Padova! Sono stato chiamato come consulente del Comune ad occuparmi del coordinamento del gruppo di lavoro, sia per le mie origini patavine che per il fatto di aver lavorato all’UNESCO per 10 anni. Mi dispiace non poterci essere il 14 (sono ad una conferenza UNESCO a Lima) ma mi renderò disponibile per animare un incontro sul senso della candidatura UNESCO.Buon lavoro! Giorgio Andrian

    • Legambiente Padova ha detto:

      gentile Giorgio Andrian
      grazie dell’apprezzamento per l’iniziativa di Salvalarte-Legambiente.
      Agiamo nella convinzione il III settore possa contribuire al percorso di riconoscimento, soprattutto nel ruolo di promotore di cittadinanza attiva, pronta a farsi carico di azioni dal basso di tutela e valorizzazione.
      Ci farà quindi piacere trovare ulteriori forme di collaborazione che vadano nella direzione di un successo.
      Arrivederci, Legambiente Padova

Leave a Reply