Feed on
Posts
Comments

arte_prospettiva_FavaroCome valorizzare il verde urbano: pubblicati gli ultimi tre progetti dei giovani creativi partecipanti ad Arte in Prospettiva, il concorso d’idee del gruppo Scout Neruda per ripensare alcuni luoghi cittadini in chiave ambientale e di spazi a misura di bambino, realizzato in collaborazione con Legambiente e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando “Culturalmente”(edizione 2014).

Queste tre proposte sono tutte finalizzate a valorizzare il verde urbano, concentrandosi però su luoghi modo diversi tra loro: le riviere del centro storico, le aree agricole della prima periferia e la rete dei parchi cittadini.  Sono suggestioni grafiche, tavole e preprogetti che si vanno ad aggiungere agli altri sette già presentati su ecopolis nelle scorse settimane: i progetti vincitori (vedi qui); quelli sulle piazzette (vedi qui); quelli sulle ex caserme (vedi qui).

Andrea e Letizia Favaro e Roberto Provenza immaginano degli orti urbani terrazzati lungo la Riviera Mussato, per accrescere le occasioni di socializzazione degli abitanti sfruttando le potenzialità degli argini dei canali interni alla città. “Riviera mia, Riviera in Fiore” (scarica qui le illustrazioni) non è dunque solo la proposta di orti in pieno centro, ma uno spunto per prendersi cura dello spazio pubblico e promuovere iniziative come spettacoli estivi, serate a tema e momenti di convivialità. Secondo gli autori (guarda qui il video), l’idea che è già stata realizzata in piccole aree e in forma spontanea da abitanti e commercianti, sta già riscuotendo un buon consenso da parte dei cittadini.

Elena Colombini e Gabriele Boetto del Gruppo Vivere Bene a San Bellino, coordinato dall’arch. Antonio Huaroto, puntano l’attenzione su una delle tante case rurali abbandonate nella prima periferia urbana. Nasce così “Padova co-housing project”, un progetto di acquisto collettivo di un casale risalente al 1930 situato in via Adige, tra San Bellino e Sacro Cuore. Elena e Gabriele illustrano graficamente il possibile futuro di questo podere immerso nel verde: un’oasi di pace da riscoprire e da rivivere assieme, recuperando il paesaggio rurale senza consumare ulteriore suolo agricolo.

Guada qui le illustrazioni e scarica il video di approfondimento.

La proposta di Enrico Bianchi, designer milanese, non riguarda un singolo luogo ma è rivolta piuttosto a valorizzare la rete dei parchi cittadini attraverso l’installazione al loro interno di monoliti che aiutino ad individuare l’esistenza di altre aree verdi di prossimità. La Meridiana Geografica Ambientalista (scarica il video),composta da diversi monoliti a forma di roccia, vuole così essere al tempo stesso un elemento artistico e uno strumento utile al cittadino affinché possa ricostruire visivamente la rete dei parchi cittadini.

Tutti gli otto video e i lavori presentati nell’ambito di “Arte in prospettiva” sono disponibili sul sito www.scoutneruda.it

Lo staff di Arte in Prospettiva

Leave a Reply