In cammino per la conversione ecologica sulle orme della Laudato si’

Ripubblichiamo con piacere la conclusione di Se solo volessimo di Giorgio Romagnoni (Padova, 1989), assistente legale per richiedenti asilo presso il Centro Astalli di Trento.  

L’opera illustra l’importante testo dell’enciclica Laudato si’ ed è apparsa su www.ilproblemadeglialtri.it, progetto che trae ispirazione dagli insegnamenti di Don Milani, che su una parete della scuola di Barbiana aveva fatto scrivere grande: I CARE.

Leggi di più

Stili di vita, al Maus gli studenti fanno la differenza

Gli stili di vita fanno la differenza: e gli studenti?

Alla fine di maggio sono state consegnate a ogni ragazzo le 200 borracce che i ragazzi e le ragazze della IV E del Liceo Maria Ausiliatrice di Padova hanno ottenuto a prezzo di favore grazie a un Gruppo di acquisto per sostituire la plastica utilizza quotidianamente nell’istituto.
Leggi di più

Le auto stanno distruggendo le nostre città: è il carmageddon!

Pubblichiamo la nostra traduzione di ampi stralci di un editoriale uscito recentemente sul quotidiano britannico The Guardian.

L’intervento è prezioso, perché ci fa riflettere sui costi sociali ed ambientali di una mobilità privata di massa, a partire dall’occupazione di uno spazio comune di cui non ci rendiamo più conto. Leggi di più

Transizione energetica e contrasto ai cambiamenti climatici in atto

Mai come negli ultimi mesi, la questione climatica è emersa come il tema del secolo, tanto sui media quanto nel dibattito pubblico e politico di tutto il mondo.

Merito della spinta dei movimenti giovanili come i Fridays for future (ne abbiamo parlato qui) che hanno raccolto un lavoro decennale portato avanti dalle organizzazioni ambientaliste. Leggi di più

Crisi climatica, abbiamo bisogno di città resilienti agli eventi meteorologici estremi

L’aumento dei fenomeni meteorologici estremi ci intima di ripensare le nostre città per adattarle ai cambiamenti climatici in atto: a ricordarlo è proprio la recente dichiarazione di emergenza climatica della nostra città (ne abbiamo parlato qui).

Riprendiamo l’articolo di valori.it che racconta le buone pratiche innovative Parigi, Los Angeles e Amburgo, facilmente replicabili in altre realtà locali. Leggi di più

Cambiamo la città, un albero (adottato) per volta con WowNature

Migliorano la qualità dell’aria e il benessere di chi vive in città, ma possono essere anche preziosi alleati nella lotta ai cambiamenti climatici: gli alberi aiutano a ridurre l’inquinamento atmosferico e a contenere le temperature estive, oltre a diventare rifugio per decine di specie animali.

Anche Padova ha deciso di investire sui boschi cittadini, con un progetto di riforestazione urbana che prevede la nascita di un polmone verde di 10.000 alberi – quanto 12 campi da calcio – in otto aree della città. Leggi di più

“Radici al vento, testa nella terra”, all’Orto Botanico un’opera fa riflettere sul cambiamento climatico in atto

Uscendo dalla reception dell’Orto Botanico e percorrendo pochi metri a sinistra, in una cornice di vegetazione verde e rigogliosa, si scorge una imponente, spoglia struttura artificiale in legno poggiata sopra uno specchio d’acqua. Sembra una sorta di conifera, dal tronco di questa si dipartono, irregolari, pezzi di legno disposti a raggiera, in più cerchi concentrici che si assottigliano dal basso verso l’alto. Le radici su cui è poggiato il manufatto sono ben visibili, lambite appena dall’acqua.  Leggi di più

Contro smog e cambiamenti climatici ripensiamo la nostra mobilità

Lo smog non dà tregua alla nostra città: l’inverno appena concluso è stato il peggiore degli ultimi anni: più di un giorno su due l’aria è stata fuorilegge e già a marzo è stato superato il limite massimo annuo dei 35 giorni di mal’aria.

Secondo Legambiente, per fermare l’emergenza smog  serve un ripensamento radicale della mobilità, che vada anche nella necessaria direzione di ridurre le emissioni causa dei cambiamenti climatici. Leggi di più

Clima, abbiamo solo un decennio per invertire la rotta e rispettare gli Accordi di Parigi

20/10/2011 Roma, Violenti nubifragi sulla capitale. Nella foto allagamenti in Largo Preneste, dove numerosi passeggeri dei tram sono rimasti bloccati all'interno delle vetture prima dell'arrivo dei soccorsi - sca 20/10/2011 Roma, Violenti nubifragi sulla capitale. Nella foto allagamenti in Largo Preneste, dove numerosi passeggeri dei tram sono rimasti bloccati all'interno delle vetture prima dell'arrivo dei soccorsi - fotografo: pierpaolo scavuzzo“Una rapida e diffusa transizione nel settore energetico, nella gestione del suolo, dell’urbanistica, delle infrastrutture e nel sistema industriale senza precedenti”: ecco quello che serve per fermare la febbre del pianeta.

A scriverlo è l’ultimo rapporto dell’IPCC (che solo a luglio è stato tradotto in italiano: lo trovate qui), il gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico dell’ONU, uscito nei giorni scorsi. Per la prima volta forte l’accento sul tema della giustizia sociale connessa al tema ambientale. Leggi di più

Con l’acqua alla gola: preoccupazioni climatiche mediterranee nel nuovo romanzo di Bruno Arpaia

arpaiaParlare di cambiamento climatico e descriverne gli effetti a lungo termine, ha smesso da tempo di essere un mero esercizio di stile.

Se fino a poco tempo fa si trattava di un tema lontano, buono per paventare future catastrofi o suggerire trame hollywoodiane e narrazioni fantascientifiche, oggi è una inquietante realtà.

Il fenomeno è ormai sotto gli occhi di tutti Leggi di più

Clima: la Camera ratifica l’accordo di Parigi, entrato in vigore grazie all’Unione Europea

European_Parliament_Strasbourg_HemicycleA neanche un anno dalla firma di 195 paesi di tutto il mondo entra in vigore l’accordo di Parigi per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Erano infatti necessarie le approvazioni di almeno cinquantacinque paesi produttori di almeno il 55% delle emissioni globali di CO2. L’ultimo trattato climatico significativo, il famoso “protocollo di Kyoto”, a cui peraltro non aderivano i paesi “in via di sviluppo”, richiese per la ratifica più di sette anni.

L’accelerazione è avvenuta negli ultimi cinquanta giorni Leggi di più